email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE / FINANZIAMENTI Italia / Francia / Grecia

Danilo Caputo firma l’opera seconda Semina il vento

di 

- Una storia di ribellione e rinascita ambientata tra alberi d’olivo e scenari industriali in Puglia. Selezionato nella sezione Panorama della 70ma Berlinale

Danilo Caputo firma l’opera seconda Semina il vento
Yile Yara Vianello e Feliciana Sibilano in Semina il vento

Nica, 21 anni, abbandona gli studi d’agronomia e torna a casa, in un paesino vicino Taranto, dopo tre anni d’assenza. Lì trova un padre sommerso dai debiti, una terra inquinata, degli ulivi devastati da un parassita. Tutti sembrano essersi arresi davanti alla vastità del disastro ecologico e suo padre aspetta solo di poter abbattere l’uliveto per farne soldi. Nica lotta con tutte le sue forze per salvare quegli alberi secolari ma l’inquinamento ormai è anche nella testa della gente e lei si troverà a dover affrontare ostacoli inaspettati. Semina il vento [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, opera seconda di Danilo Caputo dopo il brillante esordio nel 2014 con La mezza stagione [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, è ambientato tra alberi d’olivo e scenari industriali e racconta una storia di ribellione e rinascita.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Le riprese del film sono state realizzate in 5 settimane tra Taranto e la sua provincia (San Marzano di San Giuseppe, Grottaglie, Monteiasi e Statte). Interpreti dei questa storia sono Yile Yara Vianello (giovane protagonista di Corpo celeste [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Alice Rohrwacher
scheda film
]
di Alice Rohrwacher) Caterina Valente, Espedito Chionna e Feliciana Sibilano. La fotografia è di Christos Karamanis, il montaggio di Sylvie Gadmer, la scenografia di Federica Bologna, i costumi di Angela Tomasicchio, la musica di Valerio Camporini Faggioni. La sceneggiatura del film, scritta dal regista con Milena Magnani, è stata selezionata all’ottava edizione dell’Apulia Film Forum di Apulia Film Commission (Vieste, 2017).

Coprodotto da Okta Film di Paolo Benzi con Rai Cinema per l’Italia, da JBA Production di Jacques Bidou e Marianne Dumoulin per la Francia e da Graal di Konstantina Stavrianou e Rena Vougioukalou per la Grecia, Semina il vento ha ottenuto il contributo di Apulia Film Fund della Regione Puglia (157.714 euro) e il sostegno di Apulia Film Commission. Il film ha inoltre ottenuto il beneficio del Fondo di sostegno allo sviluppo di coproduzioni di opere cinematografiche tra Italia e Francia del Ministero dei Beni e della Attività Culturali e del Turismo (MIBACT) e del Centre National de la Cinématographie (CNC) francese, nonché il contributo del Ministero dei Beni e della Attività Culturali per la produzione di opere di giovani autori, e il sostegno di Eurimages, il fondo del Consiglio d’Europa per la co-produzione e la distribuzione di opere cinematografiche europee. L’uscita in Francia è affidata a Pyramide Distribution, mentre Pyramide International cura le vendita dei diritti.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.