email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SUNDANCE 2020 Concorso World Cinema Documentary

Recensione: The Painter and the Thief

di 

- Benjamin Ree ha confezionato un heist movie ingannevole che ritrae un'improbabile amicizia in Norvegia

Recensione: The Painter and the Thief

Le amicizie improbabili sono un pilastro del cinema. Ad esempio, quanti film ci sono in cui i poliziotti fanno amicizia con i criminali o un prigioniero è attratto dal suo carceriere? E questo per non parlare di The Breakfast Club. The Painter and the Thief di Benjamin Ree non è solo un gran titolo, ma è anche un film su due amici che appartengono a due mondi differenti. La pellicola ha vinto il Premio speciale della giuria per lo storytelling creativo al Sundance Film Festival, dove è stata proiettata nel concorso World Documentary Document, prima di approdare nella sezione Bright Future dell'International Film Festival Rotterdam.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

The Painter and the Thief comincia come un film di rapina che si rispetti, con un furto oltraggioso. Due dipinti sono stati rubati dalla Galleria Nobel di Oslo nel 2015. Il regista Ree sottolinea la natura professionale del lavoro: i ladri non si sono limitati a un furto con scasso; hanno estratto con cura le numerose viti che fissavano la tela alla cornice, cosa che - ci viene detto - richiederebbe un'ora a un tecnico specializzato. La sensazione che si tratti di un lavoro su commissione è accentuata dalla rivelazione che entrambi i dipinti sono dell'artista di Oslo Barbora Kysilkova. Finora, quindi, Oceans 11.

Poi le cose iniziano a diventare un po' strane. Uno dei ladri viene presto catturato e afferma di non avere idea di cosa abbia fatto con il dipinto rubato, dicendo che era drogato la notte del furto e non ricorda molto. Kysilkova, volendo risposte e i suoi quadri indietro, presenzia al suo processo. Durante una pausa del procedimento, gli chiede: "Posso farti un ritratto?".

Ree, che in precedenza aveva realizzato un documentario sul miglior giocatore di scacchi di tutti i tempi, Magnus Carlsen, è venuto a conoscenza di questa storia e ha contattato l'artista. La genesi della storia viene raccontata con un mix di voiceover, pittura, video di sorveglianza e immagini dei luoghi. Il regista usa tecniche narrative inventive per spostare la storia avanti e indietro nel tempo, e a volte può sembrare che stia imponendo la trama, piuttosto che raccontarla in modo organico. C'è qualcosa di reale nel mondo dell'arte? Il fatto che questa manipolazione non sia importante dipende dal fatto che il furto è la parte meno emozionante di questa storia. Al dramma giudiziario non viene concesso nemmeno un verdetto. Il modo in cui il film sorvola sulle informazioni a volte può essere frustrante per lo spettatore e creare un senso di sconnessione per coloro che, meno interessati allo studio del personaggio, sono alla ricerca di una trama.

La pittrice Kysilkova e il ladro Karl-Bertil Nordland sono bizzarri. Ree inizia a catturarli con la cinepresa dopo la quarta volta che si incontrano e li guarda mentre entrano in connessione. Ciò che è interessante è il modo in cui sono entrambi autodistruttivi, e questo dà loro empatia l'uno per l'altro. L'artista ceca ha una relazione complicata con il suo enigmatico marito. Dal canto suo, Nordland è come un cucciolo nel corpo di un pitbull. Le sue lacrime nel vedere il suo ritratto dipinto per la prima volta, e la collezione d'arte in generale, ci fanno persino chiedere se il più grande inganno qui non sia a spese del pubblico.

The Painter and the Thief è presentato da Medieoperatørene (Norvegia), coprodotto da VGTV, con il supporto del Norwegian Film Institute. Le vendite initernazionali sono gestite da Autlook Films.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.