email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

INDUSTRIA / MERCATO Italia

TorinoFilmLab lancia il suo primo workshop ScriptLab online

di 

- Il primo modulo del programma di punta del lab torinese, riservato ai progetti nella loro prima fase di sviluppo, prende il via il 16 aprile in versione digitale con 20 filmmaker

TorinoFilmLab lancia il suo primo workshop ScriptLab online
I partecipanti al TFL ScriptLab 2020

Doveva tenersi a Leopoli, in Ucraina, lo scorso marzo, ma a causa della diffusione del COVID-19, è stato completamente riprogettato per adattarsi all’emergenza sanitaria globale. Così, anche il TFL ScriptLab sbarca online. Il primo modulo del programma di punta del TorinoFilmLab, quello riservato ai progetti nella loro prima fase di sviluppo, prende il via oggi, 16 aprile, in versione digitale, dando il benvenuto a 20 team di filmmaker al lavoro sulle loro opere prime e seconde (c’è anche un’opera terza), provenienti da tutto il mondo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

I progetti sono divisi in cinque gruppi da quattro, ciascuno guidato da uno dei tutor del TFL: Philippe Barrière (Francia), Rasmus Horskjaer (Danimarca), Franz Rodenkirchen (Germania), Maria Solrun (Islanda) e Françoise von Roy (Germania). Questo primo workshop sarà distribuito tra metà aprile e metà maggio per offrire un contesto creativo continuativo, attraverso una combinazione di sessioni plenarie, di gruppo e individuali, oltre a numerosi eventi speciali per stimolare il networking. Il lavoro proseguirà per tutto l’anno, fino al TFL Meeting Event previsto per novembre 2020.

“ScriptLab è un programma che ha cambiato forma nel corso degli anni, ma ha sempre mantenuto la convinzione che uno scambio continuo tra colleghi sia una risorsa inestimabile per lo sviluppo dinamico e creativo nelle prime fasi di scrittura di una sceneggiatura”, afferma Eva Svenstedt Ward, Head of Studies di ScriptLab, a proposito della necessaria evoluzione digitale temporanea del workshop.

Nella lista dei partecipanti allo ScriptLab di quest’anno si segnalano, con le loro opere seconde, il regista svizzero Hannes Baumgartner (Midnight Runner [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Hannes Baumgartner
scheda film
]
), l’olandese Rosanne Pel (Light as Feathers [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Rosanne Pel
scheda film
]
), la croata Hana Jušić (Quit Staring at My Plate [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Hana Jušić
scheda film
]
), l’israeliano Yona Rozenkier (The Dive [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), la belga Cecilia Verheyden (Achter de wolken [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
) e la spagnola Celia Rico Clavellino (Viaje al cuarto de una madre [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Celia Rico Clavellino
scheda film
]
). "La selezione di ScriptLab 2020 è entusiasmante e diversificata”, commenta Amra Bakšić Čamo, curatrice del TFL. “I progetti trattano temi come identità contemporanee, famiglie, storia, questioni sociali e ambientali, interpretando in modo originale i generi e mettendo in discussione forme e formati. Siamo felici che la nostra selezione quest'anno presenti in gran parte progetti di donne sceneggiatrici e registe, con la speranza di inaugurare una nuova era nel nostro settore".

I 20 progetti di TFL ScriptLab 2020:

After Dark - Erenik Beqiri (Albania) (opera prima)
Blustar - Stella Kyriakopoulos (Grecia), co-sceneggiato da Margaret Shin (Stati Uniti) (opera prima)
Calf’s Head - Rosanne Pel (Paesi Bassi) (opera seconda)
Elbow - Aslı Özarslan (Germania), co-sceneggiato da Claudia Schaefer (Germania) (opera prima)
God Will Not Help - Hana Jušić (Croazia) (opera seconda)
Home - Or Sinai (Israele) (opera prima)
Insectarium - Hannes Baumgartner (Svizzera), in collaborazione con Swiss Films (opera seconda)
La cercanía - Jorge Thielen Armand (Venezuela) (opera terza)
Mongrel - Chiang Wei Liang (Singapore) (opera prima)
Night Butterflies - Marta Prus (Polonia) (opera prima)
Pax Europa - Oliver Adam Kusio (Polonia) (opera prima)
Recognition - Ondřej Novák (Repubblica Ceca), co-sceneggiato da Lucia Kajánková (Slovacchia) (opera prima)
Siberia - Yona Rozenkier (Israele) (opera seconda)
Skiff - Cecilia Verheyden (Belgio), in collaborazione con VAF – Flanders Audiovisual Fund (opera seconda)
Sleepless City - Guillermo García López (Spagna) (opera prima)
Small Country - Pablo Aparo (Argentina) (opera prima)
Spectrum - Philbert Aimé Mbabazi (Ruanda) (opera prima)
The Flares - Danielle Lessovitz (Stati Uniti) (opera seconda)
The Little Love - Celia Rico Clavellino (Spagna) (opera seconda)
Uk Kei - Leonor Teles (Portogallo), co-scenggiato Ágata de Pinho (Portogallo) (opera prima)

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy