email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2020 Settimana Internazionale della Critica

ESCLUSIVA: Il trailer di Non odiare, selezionato alla Settimana della Critica di Venezia

- Il debutto di Mauro Mancini, che avrà la premiere mondiale alla Settimana della Critica di Venezia, è una coproduzione tra Italia e Polonia

ESCLUSIVA: Il trailer di Non odiare, selezionato alla Settimana della Critica di Venezia
Alessandro Gassmann in Non odiare, di Mauro Mancini

Intramovies annuncia il trailer internazionale di Non odiare [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Mauro Mancini
scheda film
]
, che avrà la premiere mondiale a settembre alla Settimana Internazionale della Critica di Venezia.  Cineuropa offre il trailer internazionale in esclusiva ai suoi lettori.

Il debutto al lungometraggio di Mauro Mancini, con Alessandro GassmannSara Serraiocco e Luka Zunic, è prodotto da Mario Mazzarotto per Movimento Film, in coproduzione con la società polacca Agresywna Banda. Notorious Pictures distribuirà il film in Italia a settembre.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

In una città del nord-est vive Simone Segre, affermato chirurgo di origine ebraica: una vita tranquilla, un appartamento elegante e nessun legame con il passato. Un giorno si trova a soccorrere un uomo vittima di un pirata della strada, ma quando scopre sul suo petto un tatuaggio nazista, lo abbandona al suo destino. Preso dai sensi di colpa rintraccia la famiglia dell'uomo. Marica la figlia maggiore, Marcello adolescente contagiato dal seme dell'odio razziale; il piccolo Paolo. Verrà la notte in cui Marica busserà alla porta di Simone, presentandogli inconsapevolmente il conto da pagare.

“Né buoni né cattivi, ma semplicemente esseri umani, personaggi ordinari in situazioni straordinarie”. Così immagina i personaggi il regista Mauro Mancini, autore di cortometraggi, miniserie tv, video musicali e che ha scritto la sceneggiatura del film con Davide Lisino. “Ho preso spunto da un fatto di cronaca avvenuto a Paderborn, in Germania. Un medico ebreo si è rifiutato di operare un paziente a causa del vistoso tatuaggio nazista che aveva sul braccio.”

Qui sotto, il trailer:

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy