email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SARAJEVO 2020 Concorso documentari

Recensione: The Fourth Character

di 

- Il film di Katerina Patroni è una storia di persone, delle loro perdite, rimpianti e tentativi di redenzione ambientato nelle strade di Atene

Recensione: The Fourth Character

Il nuovo lungometraggio documentario scritto e diretto da Katerina A. Patroni, il cui lavoro documentario precedente include Men at Sea (2003) e The Third Takis (2008), segue tre personaggi che affrontano le recenti perdite e rimpianti nel contesto urbano di Atene. È stato presentato in anteprima all'inizio di quest'anno in patria al Festival del documentario di Salonicco, vincendo il premio Woman in Film and Television GR. La prima internazionale di The Fourth Character [+leggi anche:
trailer
intervista: Katerina Patroni
scheda film
]
ha avuto luogo al Sarajevo Film Festival. Il tema universale del film, e l'approccio umano di Patroni, potrebbero fargli guadagnare ulteriore visibilità nei festival dei prossimi mesi, prima che arrivi in ​​televisione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il signor Pavlos è un uomo di 63 anni che vuole cambiare atteggiamento perché la sua natura irrequieta lo ha messo in un guaio dopo l’altro. Un uomo più giovane, chiamato anche lui Pavlos, ha deciso di dedicare il resto della sua vita a Dio e di redimersi attraverso la beneficenza. Una donna di nome Tina sembra non riuscire a riprendersi dalla morte di qualcuno a lei vicino in un incidente in moto.

Ognuno di questi personaggi ha i suoi luoghi speciali e la sua routine quotidiana. Per il signor Pavlos, è il viaggio in autobus attraverso la città fino al parco dove dà da mangiare agli uccelli; per Pavlos, il lato di una strada trafficata che pulisce intonando ritmicamente le sue preghiere; e per Tina, la strada dove è avvenuto l'incidente: la visita tutti i giorni e la decora per commemorare la morte di Takis.

Il titolo del film può essere interpretato in due modi. Il "quarto personaggio" potrebbe essere l'insieme di sentimenti di perdita, rimpianto e senso di colpa che questi tre personaggi condividono, insieme al loro desiderio di redenzione e tregua. Potrebbe anche rappresentare la stessa città di Atene e le sue strade, vie, trasporti pubblici e parchi con cui i protagonisti trascorrono molto tempo. Il paesaggio urbano, privo delle solite attrazioni turistiche e spesso colorato da cieli grigi e piovosi, rivela la sua naturale bellezza e bruttezza, e sicuramente gioca un ruolo importante nel film stesso e nella vita dei suoi personaggi.

Meravigliosamente fotografato dal DoP Dimitris Kordelas, che ha scelto una tavolozza di colori tenue, e montato da Evgenia Papageorgiou alternando campi lunghi e primi piani a un ritmo misurato, lasciando molto tempo e spazio per la riflessione, The Fourth Character è un pezzo di cinema documentario di grande suggestione. Anche il sound design di Persefoni Miliou, incentrato sul brusio urbano e discreto come lo schema dei colori, contribuisce a creare un'atmosfera distinta per il film. Le diverse scelte musicali, dai pezzi d'organo di Bach, un canto a cappella della chiesa ortodossa e melodie popolari al flauto (entrambi interpretati da uno dei personaggi e narratori del film, Pavlos Tripodakis), insieme a una delicata pulsazione elettronica, sono sempre adatti e in sincronia con le narrazioni dei personaggi.

The Fourth Character è una produzione greca realizzata da Steficon e l’Hellenic Broadcasting Corporation - ERT, con il supporto finanziario del Greek Film Center. Eleni Chandrinou, Maria Kontogianni e Michael Sarantinos sono i produttori.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy