email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VENEZIA 2020 Orizzonti

Recensione: Apples

di 

- VENEZIA 2020: La sezione Orizzonti dovrà mantenere alto il suo standard dopo aver aperto con il delizioso e compassato debutto di Christos Nikou

Recensione: Apples

Le mele hanno avuto un ruolo importante nella storia dell’umanità. Hanno un importante significato religioso, essendo il frutto proibito nella storia della Genesi di Adamo ed Eva. Nella scienza, è stata una mela caduta sulla testa di Isaac Newton che ha portato alla teoria della gravità. Nella mitologia greca, è stato il dono di una mela d'oro che ha portato allo scoppio della guerra di Troia. E in borsa, Apple è recentemente diventata la prima azienda a valere 2 trilioni di dollari per aver realizzato computer che ospitano così tanti dei nostri ricordi. Ora possiamo aggiungere un'altra storia vincente a questa lista fruttata: il gustoso film d'esordio di Christos Nikou, Apples [+leggi anche:
trailer
intervista: Christos Nikou
scheda film
]
, che apre la sezione Orizzonti alla Mostra del Cinema di Venezia 2020.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Le mele possono anche migliorare la tua memoria. Quindi, quando una bizzarra pandemia mondiale fa sì che le persone perdano la memoria, ad Aris (Aris Servetalis, eccellente) viene detto di mangiare più mele e di eseguire i compiti prescritti su cassetta in modo da poter creare nuovi ricordi e documentarli con la videocamera. Va a una festa in costume dove gli ospiti rendono omaggio a film che vanno da 2001: Odissea nello spazio a The Karate Kid. È quel tipo di film in cui alto e basso ballano deliziosamente insieme. È anche un mix di strano e familiare.

Tuttavia, l'amore è un'emozione difficile da dimenticare, e Aris vede i vecchi comportamenti e sentimenti tornare quando incontra la sua compagna di guarigione Anna (Sofia Georgovasili) nella migliore scena al cinema dai tempi di Una vita al massimo. Ovviamente, guardano il film perfetto per il primo appuntamento: Non aprite quella porta.

Apples è un debutto davvero indimenticabile ed è già capofila per una vittoria a Orizzonti, anche se il finale fa virare il suo sapore bizzarro in qualcosa di un po' più agrodolce.

Nikou è stato assistente alla regia in Dogtooth [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Yorgos Lanthimos
scheda film
]
, e l'influenza di Yorgos Lanthimos è evidente nel modo in cui il film crea un mondo che sembra familiare, ma è abbastanza bizzarro da risultare fantastico. I brillanti scenari sembrano essere dipinti da Edward Hopper. È anche un mondo senza tempo, in cui tutto ciò che i personaggi usano è analogico, ma pur sempre futuristico in quello stile kitsch degli anni '60. Ad aggiungere la sensazione che tutto ciò provenga da un'epoca passata è la decisione di filmare in formato 4:3. È una sensibilità e un'estetica che ricordano i mondi creati da Charlie Kaufman, Michel Gondry o Spike Jonze, e sì, questo film d'esordio merita un tale elogio.

Un'altra somiglianza tra Nikou e Lanthimos è che Apples ha una trama che pone una forte enfasi sulla composizione psicologica degli umani e che sembra voler mettere in risalto quali strane bestie sono gli homo sapiens. Ma – e questo piacerà a molti spettatori in tutto il mondo – i personaggi di Nikou hanno un po' più di cuore di quelli di Lanthimos, e l'umorismo è più "divertente" che sarcastico. Apples quindi annuncia Nikou come l'ultimo di una schiera crescente di eccellenti registi greci contemporanei che realizzano film che stimolano i cervelli e sciolgono i cuori.

Apples è una coproduzione greco-polacco-slovena guidata da Boo Productions e Lava Films, in coproduzione con Perfo Production e Musou Music Group. Alpha Violet gestisce le sue vendite internazionali.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy