email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

LUX PREMIO DEL PUBBLICO 2020

Il LUX Premio del Pubblico svela a Venezia il suo nuovo volto

di 

- Il Parlamento europeo e la European Film Academy creano un nuovo Premio del pubblico paneuropeo che sarà votato dal pubblico di tutta Europa

Il LUX Premio del Pubblico svela a Venezia il suo nuovo volto
(sx-dx) Doris Pack, Claude-Eric Poiroux, il moderatore e il redattore capo di Cineuropa Domenico La Porta, Sabine Verheyen e Mike Downey durante la presentazione del nuovo LUX Premio del Pubblico a Venezia

L'attuale crisi sanitaria sta mettendo alla prova l'industria cinematografica in modi mai visti prima, e i decisori stanno lavorando duramente per uscirne più forti che mai, insieme. Il Premio LUX non è da meno e si sta adattando rapidamente alla nuova realtà. Dopo aver creato un aggregatore VoD per fornire informazioni sulla disponibilità dei film premiati in tutta Europa (leggi la news) e aver organizzato una serie di colloqui con professionisti del cinema insieme a Cineuropa per discutere la situazione del settore (guarda qui), il premio istituito dal Parlamento europeo 13 anni fa ha appena svelato il suo nuovo format alla 77ma Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Sabine Verheyen, presidente della Commissione Cultura e Istruzione del Parlamento, ha presentato questa mattina allo Spazio Incontri dell'Hotel Excelsior di Venezia il nuovissimo LUX Premio del Pubblico del Parlamento Europeo e della European Film Academy, un “Premio del pubblico nuovo, veramente paneuropeo” che, d'ora in poi, sarà consegnato congiuntamente da entrambe le istituzioni, in collaborazione con la Commissione Europea e il network Europa Cinemas. Lo scopo del premio rimane lo stesso: puntare i riflettori su film che raggiungono il cuore del dibattito pubblico europeo, sostenendone la diffusione sottotitolando i film in tutte le lingue dell'UE. "È sempre stato un progetto pionieristico e innovativo del Parlamento europeo per costruire ponti tra settori che a volte usano lingue diverse", ha detto Verheyen riguardo al premio, che, d'ora in poi, sarà in grado di raggiungere un pubblico più ampio in collaborazione con la European Film Academy.

Il nuovo format vedrà cinque film in competizione per il premio, invece dei soliti tre. Tuttavia, a causa dell'impatto del COVID-19 sul mercato dell'industria cinematografica, il numero di lungometraggi in lizza per il premio in questa prima edizione sarà di tre, come eccezione alla regola. Questi titoli saranno selezionati da una giuria di professionisti provenienti dall'industria cinematografica europea, approvati dalla Commissione per la Cultura e l'Istruzione del Parlamento europeo. Fino ad ora, solo i membri del Parlamento europeo avevano il diritto di votare per i film vincitori, ma con il nuovo format, il vincitore verrà selezionato in base ai voti dei deputati e del pubblico (ciascuno in rappresentanza del 50%). "Vogliamo che i cittadini europei partecipino al premio", ha affermato Verheyen.

Dopo la presentazione delle principali caratteristiche del premio, sono stati anche annunciati il ​​nuovo calendario e la cronologia. La prossima tappa sarà Reykjavik il 12 dicembre, dove i tre film nominati saranno svelati alla cerimonia degli EFA. Successivamente, da dicembre a marzo, si svolgerà la fase "Watch and Vote" (“Guarda e vota”), in cui il pubblico di tutta Europa avrà la possibilità di guardare i film selezionati in qualsiasi proiezione disponibile (festival, uscita nelle sale, VoD, ecc.) ed esprimere i propri voti online valutando i film su una scala da uno a cinque. Questo periodo includerà le proiezioni dei LUX Audience Days, organizzate dalle istituzioni e dai partner dell'UE, nonché proiezioni simultanee e la competizione interna al Parlamento europeo, dove i deputati potranno anche guardare i film e votare. Infine, il vincitore sarà annunciato il 28 aprile durante la cerimonia di premiazione al Parlamento europeo, alla presenza delle squadre dei film e dei partner del premio.

Verheyen è stata affiancata durante la presentazione da Mike Downey, presidente della European Film Academy e primo presidente onorario del comitato di selezione; Claude-Eric Poiroux, direttore generale di Europa Cinemas; la coordinatrice LUX Doris Pack; e con la presenza a distanza di Mariya Gabriel, Commissario europeo per l'Innovazione, la Ricerca, la Cultura, l'Istruzione e la Gioventù. Durante l'evento, moderato da Domenico La Porta, redattore capo di Cineuropa, è intervenuto anche il presidente del Parlamento europeo, David Maria Sassoli, tramite videomessaggio.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy