email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

ZURIGO 2020

Lo Zurich Film Festival omaggia il (giovane) cinema francese

di 

- Per la sua sedicesima edizione, lo ZFF ha deciso di puntare sulle registe donne e sulle giovani e promettenti leve del cinema francese e svizzero

Lo Zurich Film Festival omaggia il (giovane) cinema francese
Gagarine di Fanny Liatard e Jérémy Trouilh

Con ben 23 prime mondiali, lo Zurich Film Festival conferma ancora una volta la volontà di far scoprire al suo pubblico le ultime novità in fatto di cinematografia mondiale. Il programma di questa edizione covid-compatibile del festival sulla Limmat include ben 165 film provenienti da 47 territori: 23 prime mondiali (molte delle quali europee), 11 prime internazionali e 4 prime europee. Fatto non trascurabile, più della metà dei film presenti nelle sezioni competitive sono di registe donne.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

La Francia è quest’anno largamente rappresentata non solo nella sezione competitiva dedicata ai lungometraggi di finzione, dove ritroviamo due produzioni: il primo film del duo di registi Fanny Liatard e Jérémy Trouilh Gagarine [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Fanny Liatard e Jérémy Tro…
scheda film
]
sull’omonima periferia parigina completamente distrutta nel 2019 e Slalom [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Charlène Favier
scheda film
]
di Charlène Favier che ci fa penetrare nella psiche di una giovane atleta, ma anche nella sezione “New World View” dedicata interamente alla nuova generazione di registi francesi. Questa comprende 17 produzioni: divertenti, avventurose e brillanti, che riassumono lo spirito di una cinematografia in ebollizione. Il Golden Icon Award alla straordinaria Juliette Binoche e il A Tribute to Award all’altrettanto straordinaria Maïwenn, che presentarà il suo nuovo film ADN [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, rappresentano la ciliegina sulla torta di quest’omaggio.

Ben rappresentata anche la cinematografia elvetica grazie a film di registi confermati e nuove, agguerrite leve. Nel primo gruppo ritroviamo My Wonderful Wanda [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Bettina Oberli
scheda film
]
di Bettina Oberli (già presentato al Tribeca), l’ultimo film di Stefan Haupt Zurich Diary [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Stefan Haupt
scheda film
]
, entrambi nella sezione Premières Gala e la Première di W.-What Remains of the Lie [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 (Special Screenings) di Rolando Colla. Nel secondo invece spiccano nuove voci come quella di Christian Johannes Koch con il suo primo film Spagat [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Christian Johannes Koch
scheda film
]
, quella di Nina Stefanka e il suo Miraggio (prima mondiale) e quella di Karin Heberlein che presenta in prima mondiale Sami, Joe and I [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, tutti e tre nella sezione competitiva Focus dedicata ai film svizzeri, tedeschi ed austriaci. Molti (per un totale di 38) i film di giovani registi presenti anche nelle altre sezioni competitive del festival. Durante il festival nel suo insieme saranno presentati più di 100 primi, secondi e terzi film di registi emergenti.

Numerosi i film europei che si contendono quest’anno i Golden Eyes nelle due sezioni competitive dedicate alla finzione e ai documentari. Nella prima categoria ritroviamo, oltre ai già citati film francesi, tre produzioni provenienti dai paesi nordici: le danesi Shorta [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Anders Ølholm e Frederik L…
scheda film
]
di Anders Ølholm e Frederik Louis Hviid e Wildland [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jeanette Nordahl
scheda film
]
di Jeanette Nordahl e la coproduzione fra Svezia, Norvegia e Danimarca Charter [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Amanda Kernell
scheda film
]
di Amanda Kernell, così come l’ungherese Preparations to Be Together for an Unknown Period of Time [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Lili Horvat
intervista: Natasa Stork
scheda film
]
di Lili Horvát e il britannico Limbo [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ben Sharrock
scheda film
]
di Ben Sharrock.

Sei su dodici invece i film che competono nella categoria documentari: il rumeno Acasa, My Home [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Radu Ciorniciuc
scheda film
]
di Radu Ciorniciuc, lo svedese I Am Greta [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Nathan Grossman
scheda film
]
di Nathan Grossman, l’olandese King of the Cruise [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Sophie Dros, il norvegese The Painter and The Thief [+leggi anche:
recensione
intervista: Benjamin Ree
scheda film
]
di Benjamin Ree, e le coproduzioni Songs of Repression [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Estephan Wagner e Marianne…
scheda film
]
di Estephan Wagner e Marianne Hougen-Moraga (Danimarca/Paesi Bassi) e The Earth Is Blue as an Orange [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Iryna Tsilyk
scheda film
]
di Iryna Tsilyk (Ucraina/Lituania).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy