email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

EUROPA

European Film Factory: l'educazione all'immagine 2.0

di 

- 10 film del patrimonio cinematografico europeo sono online gratuitamente, in otto lingue, accessibili agli studenti dagli 11 ai 18 anni e agli insegnanti di tutti i paesi membri di Europa Creativa

European Film Factory: l'educazione all'immagine 2.0

Il 26 agosto è entrata in azione la piattaforma European Film Factory, presentata ieri alla stampa internazionale. Promossa dal programma MEDIA Europa Creativa e guidata dall'Institut français con il supporto di ARTE Education e di European Schoolnet (che riunisce 34 ministeri dell'Istruzione in Europa), l'iniziativa offre un approccio innovativo in materia di educazione al cinema con obiettivi principali la scoperta della diversità della settima arte europea e il rinnovamento del pubblico cinefilo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Lucía Recalde (responsabile dell'unità DG Connect alla Commissione europea) ha ripercorso la genesi dell'iniziativa: “Da diversi anni la Commissione europea, attraverso il programma MEDIA, sostiene azioni di educazione all'immagine. L'idea iniziale era quella di stimolare l’interesse per i film europei e di sviluppare spettatori a lungo termine per i contenuti europei. Ma rapidamente, ci siamo resi conto della necessità di considerare l'educazione all'immagine dal punto di vista del risveglio della curiosità e del pensiero critico che sono estremamente importanti quando si entra nell'età adulta. Ci siamo anche resi conto che il cinema è un mezzo molto potente per collegare i cittadini di tutta l'Unione europea e che l'educazione all'immagine ha un enorme potenziale per aiutare i giovani a realizzare ciò che noi europei abbiamo in comune, oltre i nostri confini nazionali. E con la crisi del Covid, i giovani hanno visto per la prima volta confini chiusi e ostacoli alla libera circolazione, cosa che rende ancora più rilevante l'iniziativa European Film Factory. I 10 film in catalogo rappresentano perfettamente il meglio della cultura europea e della sua ricchezza unica. Ora vogliamo che questo catalogo circoli nel maggior numero di scuole possibile, indipendentemente dal loro background geografico, sociale, ecc. Perché la cultura non ha confini".

Per la cineasta polacca Agnieszka Holland, il cui film Europa Europa è tra i dieci titoli del catalogo European Film Factory, "è fondamentale per il futuro del cinema europeo educare le giovani generazioni ai linguaggi più complessi e personali del cinema. Le piattaforme ormai sono tante e la maggior parte di esse, soprattutto quelle americane, puntano solo all’intrattenimento. Ma bisogna risvegliare la fantasia e la sensibilità in un contesto in cui il modo di raccontare le storie sarà fondamentale".

European Film Factory consente agli studenti di età compresa tra 11 e 18 anni e agli insegnanti di tutti gli Stati membri del programma Europa Creativa di accedere gratuitamente online e su tutti i supporti (computer, tablet, smartphone) tramite un sistema sicuro e chiuso, a un catalogo di 10 film del patrimonio cinematografico europeo. La piattaforma è disponibile in otto lingue (tedesco, francese, inglese, greco, polacco, rumeno, spagnolo e italiano). In particolare, gli studenti hanno la possibilità di guardare i film per proprio conto fuori dalla scuola e vengono messi a disposizione diversi strumenti didattici: si possono estrarre scene dai film, annotarle (immagine, suono, testo), dare loro un titolo, o ancora creare mappe mentali per collegare i diversi film in base a un tema.

I 10 titoli selezionati offrono una qualità indiscutibile e una grande varietà in termini di generi, soggetti, stili ed epoche, da La strada dell’italiano Federico Fellini al film d’animazione Brendan e il segreto di Kells [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Didier Brunner
intervista: Tomm Moore
intervista: Viviane Vanfleteren
scheda film
]
degli irlandesi Tomm Moore e Nora Twomey, passando per Europa Europa della polacca Agnieszka Holland, I 400 colpi del francese François Truffaut, A Swedish Love Story dello svedese Roy Andersson, Billy Elliot dell’inglese Stephen Daldry, il documentario En tierra extraña della spagnola Iciar Bollain, Good Bye, Lenin! [+leggi anche:
trailer
intervista: Wolfgang Becker
scheda film
]
del tedesco Wolfgang Becker, Stella, cortigiana del Pireo del greco Michael Cacoyannis e A Est di Bucarest [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Corneliu Porumboiu
intervista: Daniel Burlac
scheda film
]
del rumeno Corneliu Porumboiu.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy