email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE / FINANZIAMENTI Italia

Davide Ferrario sul set di Tutto qua

di 

- Il film racconta la storia di un gruppo di amici uniti dalla passione per la musica. “Il cinema non può fermarsi”, dice il regista lombardo

Davide Ferrario sul set di Tutto qua
Il regista Davide Ferrario

Sono iniziate lunedì 26 ottobre le riprese di Tutto qua, il nuovo film di Davide Ferrario prodotto da Lionello Cerri e Cristiana Mainardi per Lumière & Co. con Rai Cinema. Le riprese dureranno 6 settimane.

Il veterano regista, scrittore e critico cinematografico lombardo noto per i film Guardami, selezionato nella sezione Sogni e Visioni della Mostra di Venezia 1999, Dopo mezzanotte [+leggi anche:
recensione
intervista: Davide Ferrario
intervista: Giorgio Pasotti
scheda film
]
e Tutta colpa di Giuda [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, torna al lungometraggio di fiction dopo aver girato tre documentari negli ultimi 6 anni, La zuppa del demonio [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Sexxx [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e Cento anni [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il film racconta la storia di un gruppo di amici adulti, ciascuno con la propria vita, ma uniti da un autentico legame e dalla passione che li aveva fatti incontrare: la musica. The Boys, questo il nome della band, aveva avuto un grande successo con un disco negli anni Settanta. Nella loro routine, tra vicende amorose e familiari irrompe una nuova possibilità per tornare al professionismo, ma dovranno fare i conti con i sogni e le ambizioni di un tempo e il mondo di oggi. Nei panni del gruppo di amici, Neri Marcorè, Marco Paolini, Giovanni Storti e Giorgio Tirabassi. Colonna sonora e canzoni sono di Mauro Pagani.

"Al di là del film in sé", scrive Davide Ferrario nelle note di produzione, "iniziarne le riprese il 26 ottobre, primo giorno di quasi-lockdown, ha chiaramente un significato simbolico. Il cinema deve andare avanti: con tutte le precauzioni del caso, con il rispetto delle regole, con mascherine e tamponi... Ma non può fermarsi. I pericoli più immediati della pandemia sono ovviamente quelli che riguardano la salute e l’economia del paese. Ma c’è una minaccia più subdola: è quella di rubarci anche l’immaginario. Chiudendo cinema, teatri, sale da concerto e musei. Impedendo la nascita di nuove opere e di nuovi lavori. Noi - registi, attori, maestranze - non possiamo che accettare la sfida e andare avanti”.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy