email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BLACK NIGHTS 2020 Concorso

Recensione: Submission

di 

- Iolanda Laranjeiro brilla nel racconto di Leonardo Antonio dello stupro all'interno del matrimonio, che scivola nel melodramma

Recensione: Submission
Iolanda Laranjeiro in Submission

Submission [+leggi anche:
trailer
intervista: Leonardo Antonio
scheda film
]
, diretto da Leonardo Antonio e presentato nella competizione principale del Festival Black Nights di Tallinn, inizia con immagini di una coppia felice in riva al mare e alla Torre Eiffel. Ma il film rivela presto il suo proposito: ciò che vediamo in superficie può essere fuorviante, poiché la violenza può essere presente in qualsiasi coppia e casa "rispettabile". Lucia (una grande Iolanda Laranjeiro) se ne rende conto abbastanza rapidamente, quando scappa dalla sua elegante casa per denunciare il marito per stupro.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La polizia si mostra riluttante dinanzi alla sua storia, così come tutti quelli a cui si rivolge successivamente per chiedere aiuto. Ad Antonio bastano pochi minuti per mostrare perché la maggior parte dei casi di violenza sessuale non viene denunciata e perché l'intero processo, che inizia con una litania infinita di domande intime, è così difficile e umiliante, soprattutto quando alcune persone, tra cui un "giudice della Santa Inquisizione", credono che non sia possibile violentare la propria moglie. Quando finalmente vediamo il marito, che racconta in lacrime gli eventi durante il processo, l'uomo arriva a classificare il suo comportamento come un "male necessario". Viene anche menzionato un "malinteso coniugale con alcune conseguenze fisiche", e a quel punto molti spettatori sbatteranno la testa contro il muro.

Mentre ascoltiamo altre storie simili (Lucia si unisce a un gruppo di supporto incentrato sui casi di abuso all'interno di una relazione), Antonio mostra quanto sia difficile ammettere che l'autore del reato si siede a cena con te ogni giorno. Qualcuno menziona una moglie che lo picchia, un altro una partner che prova repulsione nei suoi confronti... Nel caso di Lucia, i suoi problemi di relazione non si limitano a quell'orribile evento, poiché il suo educato marito si rivela una persona sempre più conservatrice e avida di controllo, che vuole una moglie che rimanga a casa e non abbia accesso alla contraccezione.

Nonostante una lunga sequenza in tribunale, Submission alla fine si trasforma in un melodramma, e lo fa quasi senza scrupoli (optando per una colonna sonora leggermente esagerata o introducendo una nuova svolta nel mezzo della trama che rende le cose solo molto più complicate). La pellicola sembra più adatta a un formato televisivo, anche se Laranjeiro si adatta perfettamente al ruolo di "vittima non convenzionale", ammesso che esista una cosa del genere. Sebbene faccia intuire una grande ricerca alla base, la verità è che potrebbe essere una proposta cinematografica migliore. Tuttavia, è un film necessario, fintanto che le persone continueranno a chiedersi perché qualcuno decide di rimanere in una relazione tossica invece di cercare di capire che non c'è nessun posto dove possano andare.

Scritto, diretto e prodotto da Leonardo Antonio, Submission è guidato dalla portoghese Quattuor Pictures.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy