email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

COTTBUS 2020

Recensione: The Living Man

di 

- Nel suo sesto lungometraggio, Oleg Novković mostra cosa succede quando vivi veloce e non muori giovane

Recensione: The Living Man
Nikola Ðuričko in The Living Man

Presentato in anteprima mondiale al FilmFestival Cottbus, The Living Man [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Oleg Novković, con protagonista un vecchio rocker, è una storia malinconica, giacché l'ex ribelle Đela (Nikola Ðuričko, visto di recente in Stranger Things) si ritrova ad affrontare banali drammi familiari, invece di "sniffare formiche" come Ozzy Osbourne. Come si può immaginare, tutto questo non è divertente: sua figlia adolescente rimane incinta, sua moglie ex drogata è cattiva, e il momento più felice della sua giornata è quando la ragazza di suo figlio gli confessa innocentemente che secondo sua madre, all'epoca, lui era molto sexy. Non c'è da stupirsi che il tipo vada fuori di testa.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Eppure, tutti qui continuano a fare riferimento al passato – la moglie di Đela ha intenzione di scrivere finalmente un libro sul loro "periodo d'oro", per esempio. Dopo tutto, erano più giovani, più sballati e non avevano un nipote in arrivo non previsto. Novković ha un buon orecchio per i dialoghi, e in The Living Man quasi si possono fiutare gli odori dei postumi da sbornia, dei vestiti del giorno prima e del vino stantio avanzato da una festa, lasciato lì sul tavolo per ogni evenienza. Ma aggrapparsi al tempo che fu non sembra funzionare così bene, e se è una scoperta inaspettata sulla sua famiglia a spingere Đela a correre fuori dalla porta, è anche vero che era già a metà strada – stava solo cercando una buona scusa.

Così inizia il più piccolo dei road movie, un po' troppo familiare, dove un uomo di mezza età vaga per il piccolo mondo che un tempo governava, cercando con tutte le sue forze di rivivere alcune delle glorie del passato e riascoltare le hit di un tempo, anche se il suo vecchio stile di vita non si adatta più al suo fisico. "Il momento in cui mi avvicino di più all'uso di droghe pesanti è quando sono in viaggio e prendo la penicillina per curare la gonorrea", diceva con orgoglio il grande Frank Zappa, ma non funziona così per il nostro uomo, non ancora pronto a lasciarsi alle spalle ciò che era, anche se tutto ciò che raccoglie ora è solo fatica.

Non è esattamente un tipo leale, e nemmeno molto gentile (specialmente con la sua pazza famiglia), ma Ðuričko, tutto di pelle vestito, lo rende quasi toccante, e la sua mancanza di entusiasmo per qualsiasi cosa, persino per il sussurrare parole dolci a una signora come faceva una volta, è perfettamente comprensibile. Non sarà ancora così vecchio, ma questo uomo ha già dato, e anche parecchio. Si fa menzione di un amico, membro di una rock band, che è andato in overdose, ma neanche restare vivo è un gioco da ragazzi quando non puoi più "bere e scopare", come dichiara alla sua delusa moglie. Invecchiare è solo più difficile per le rockstar, sai? Ma almeno, un tempo erano sexy.

The Living Man è prodotto da SALT (Serbia) e Ostlicht filmproduktion (Germania).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy