email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FILM / RECENSIONI Repubblica Ceca

Recensione: Wolves at the Borders

di 

- Il film di Martin Páv, che fa parte della Doc Alliance Selection a Ji.hlava, presenta una storia di uomini e lupi

Recensione: Wolves at the Borders

Wolves at the Borders [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Martin Páv, recentemente scelto per la Doc Alliance Selection del Ji.hlava IDFF, dopo aver ottenuto una menzione speciale nella competizione Czech Joy, descrive i grossi problemi che sorgono in una piccola città, quando gli abitanti della regione ceca di Broumov si trova di fronte al fatto che, sebbene i lupi siano stati sterminati più di due secoli fa, ora sono tornati. E non sono "timidi come prima".

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

È ora di combattere, quindi, con gli agricoltori locali che si scontrano con gli ambientalisti sulle possibili soluzioni al problema, e la minaccia di un'altra siccità che non fa che aggravare le cose. "Se vuoi vivere nella natura selvaggia, vai in Alaska", grida un uomo che cerca disperatamente di proteggere il suo bestiame da nuovi intrusi, e di proteggere se stesso da spese ulteriori. Ma Páv ha l'intelligenza di non ritrarre lui o gli altri che sono dalla sua parte semplicemente come "i bastardi che fanno male ai lupi". Li lascia sfogare, ascolta e, supponiamo, annuisce comprensivo, riuscendo così a comporre un quadro piuttosto complesso di questa piccola comunità, il tipo di comunità dove tutte le persone sono carine e gentili fino a quando non smettono di esserlo.

Dato che hanno altri problemi da affrontare, a cui il film fa cenno, sembra quasi che alcuni accolgano questa nuova battaglia come una distrazione gradita, una distrazione che possono controllare, a differenza della pioggia, facendoli sentire di nuovo forti. Ci sono alcuni vaghi parallelismi con la reazione della gente ai rifugiati, si parla di religione (che ha svolto un ruolo fondamentale nell’evitare che la regione fosse vista come "la terra della bestia"), ma questi elementi vanno e vengono. Ciò che rimane è la crescente convinzione che invece di mettersi a lavorare insieme per capire quali sono le soluzioni migliori, le persone continuano a preferire le loro pistole – e in alcuni casi, letteralmente.

Per quanto riguarda gli animali, loro si tengono saggiamente a distanza, anche se ogni tanto un gruppo di escursionisti ha l'opportunità di scoprire che si divertono a giocare con le bottiglie di plastica per migliorare le loro abilità di caccia, e si meravigliano della loro bellezza, catturata dalle telecamere poste nella foresta. Ma questo fa parte del problema, sostiene la folla guidata dal sindaco, con il suo cappello da cowboy, mentre prepara una causa contro lo Stato. Mentre il resto del mondo (o solo Praga) guarda i lupi sullo schermo, discutendo dell'importanza di ripristinare l'equilibrio naturale, sono loro che devono affrontare le conseguenze di questi confronti e sì, i soldi scarseggiano al momento. C'è molto affetto in questo film, dove i conflitti vengono spesso risolti davanti a una birra e dove la maggior parte delle persone sembra sinceramente piacersi l'un l'altra, ma non ci vuole molto per riaccendere i bracieri. L'impressione è che qualsiasi nuovo arrivato in questa zona di confine non sarà mai veramente accolto.

Wolves at the Borders è prodotto da Frame Films.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy