email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SUNDANCE 2021 Concorso World Cinema Dramatic

Recensione: Hive

di 

- Il primo lungometraggio della regista kosovara Blerta Basholli racconta la storia stimolante, e reale, di un gruppo di donne e della loro forza, perseveranza e ingegnosità

Recensione: Hive
Yllka Gashi in Hive

Basato su eventi reali, il primo lungometraggio della regista kosovara Blerta Basholli, Hive [+leggi anche:
trailer
intervista: Blerta Basholli
scheda film
]
, che è stato presentato in anteprima mondiale nel concorso World Cinema Dramatic del Sundance Film Festival, racconta la storia di una donna che affronta pregiudizi e incertezze mentre ispira le altre donne della sua comunità a prendere il controllo del proprio destino.

Fahrije (Yllka Gashi, una vera scoperta nel suo primo ruolo in un lungometraggio) è una donna sulla trentina il cui marito, insieme a molti altri uomini del villaggio di Krushë e Madhe (o Velika Kruša in serbo), è morto – o è scomparso – in un massacro durante la guerra del Kosovo nel 1999. Vive con suo suocero, Haxhi (Çun Lajçi), un giovane figlio e una figlia adolescente.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Guidando per andare a lavorare a Pristina e occupandosi delle api di suo marito Agim, è un caso raro di donna impiegata nelle zone rurali profondamente patriarcali del Kosovo. Quando le donne del villaggio vengono informate che una ONG è disposta a pagare per le loro lezioni di guida in modo che sia più facile per loro trovare un lavoro, si mettono sulla difensiva. Una di loro informa Fahrije dei pettegolezzi che il suo stile di vita "emancipato" sta generando. Una donna seduta in un bar o alla guida di un'auto fa vergognare la famiglia, e anche la figlia di Fahrije la definisce una puttana in una scena particolarmente dolorosa. Non c'è bisogno di specificare cosa pensi Haxhi al riguardo, quindi.

Ma Fahrije non lascerà che questo la fermi, e riunisce le donne per preparare l’ajvar, un popolare condimento di peperoni arrosto dei Balcani, a casa sua. Un supermercato è interessato a venderlo e così iniziano a produrre decine di barattoli. Ma il primo lotto è rovinato, poiché qualcuno irrompe in casa e lo distrugge. Così Fahrije è costretta a combattere non solo contro la povertà e l'incertezza (dato che non è nemmeno in grado di elaborare il lutto finché non vengono ritrovati i resti di Agim), ma anche contro secoli di patriarcato balcanico.

Basholli inquadra la storia come un racconto stimolante della forza, della perseveranza e dell'ingegnosità delle donne, ma Hive è più complesso e più oscuro del tipico film mainstream che descrive il successo di fronte alle avversità. Il Kosovo rurale durante l'estate torrida è polveroso e decrepito, gli uomini hanno la faccia di pietra, ruvidi e profondamente misogini (in una scena Fahrije si ribella a uno stupratore) e il paese è allo sbando. Trova rari momenti di solitudine solo sotto la doccia, e queste scene di buon gusto, spesso emotive, rappresentano un gradito diversivo rispetto agli esterni luminosi e al quartiere rumoroso e nervoso.

La regista mostra una notevole abilità nel formare i personaggi e nel lavorare con gli attori, in particolare l'intenso Gashi. Il direttore della fotografia di Berlino Alex Bloom fa un ottimo lavoro con la classica camera a mano, che è quasi sempre focalizzata su Fahrije, e cattura realisticamente l'atmosfera degli esterni del villaggio e degli interni spesso angusti. La partitura del compositore svizzero Julien Painot è elegante e usata con moderazione, e non ricorre mai a melodie balcaniche troppo evidenti.

Mentre Basholli si tiene lontana dai montaggi musicali (c'è solo una scena vibrante con donne che ballano nella sua cucina) o dalle scene di successo estese ed edificanti che sarebbero un must a Hollywood, il film consente una maggiore riflessione e una visione sobria degli eventi rappresentati, assicurandosi che lo spettatore sappia che questa non è una favola. Tuttavia, nel secondo tempo, perde parte del suo slancio ed è in qualche modo ostacolato da ripetizioni inutili.

Hive è una coproduzione tra la kosovara Ikonë Studio e Industria Film, la svizzera Alva Film, la nordmacedone Black Cat Production e l’albanese AlbaSky Film. Le sue vendite mondiali sono gestite da LevelK.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy