email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SUNDANCE 2021 Premieres

Recensione: Eight for Silver

di 

- Tutta la nebbia del mondo non può nascondere il fatto che non c'è molto da vedere nell'horror di Sean Ellis

Recensione: Eight for Silver
Amelia Crouch e Alistair Petrie in Eight for Silver

La maledizione del lupo mannaro colpisce ancora nel nuovo film di Sean Ellis Eight for Silver, presentato a Sundance nella sezione Premieres. Perché, per quanto i registi ci provino, questo genere di storie raramente funziona. Dopo un dinamico prologo ambientato durante la Prima guerra mondiale, in cui un proiettile d'argento di origine misteriosa viene prelevato dal corpo inerte di un soldato, la storia ci riporta al XIX secolo. Uno sgradevole proprietario terriero (Alistair Petrie) decide di assumere mercenari per sbarazzarsi di un clan di zingari che gli sta causando problemi.Ben presto, tutti nel quartiere iniziano a soffrire di orribili incubi, per non parlare dell'apparizione di una creatura assetata di sangue particolarmente affezionata al concetto di "snack notturni".

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Avvolto in un piacevole stile retrò, questo è il tipo di film comunemente descritto come "atmosferico", soprattutto perché non si riesce a vedere molto attraverso la nebbia.Purtroppo questi sono proprio i momenti che valgono la pena, poiché man mano che la nebbia si dirada tutto diventa più deludente.All'improvviso, vediamo gli innocenti abitanti che si scontrano con (e questo potrebbe essere considerato uno spoiler) quello che sembra essere un Gollum eccezionalmente muscoloso.

Eight for Silver, con i suoi protagonisti terribilmente solenni, i colori scuri e gli arti amputati che volano per aria (come in uno sketch in ospedale di Monty Python), sembra muoversi tra B-movie impenitenti e il desiderio di diventare qualcosa di un po' più rispettabile. È un peccato, ma riassume praticamente il film. Una storia sui crimini commessi da chi detiene il potere, che tornano a perseguitarlo in modi diversi, potrebbe andare un po' più in profondità, e i suoi mostri nascondono più di quanto sembri. Tuttavia, e questo è un grosso problema, soprattutto considerando la lunghezza del film, non c'è nessuno con cui si possa entrare in empatia: non la moglie infelice interpretata da Kelly Reilly, non i suoi figli, non ovviamente il patologo interpretato da Boyd Holbrook, talmente insipido che è un miracolo che qualcuno gli chieda consiglio. Fa sempre piacere sentirsi superiori ai personaggi horror, ma questa volta è quasi troppo facile, poiché la maggior parte dell'azione ruota attorno a un campo maledetto in cui tutti tornano come se fossero alla ricerca di sensazioni forti.

Le morti macabre forniscono una gradita distrazione, anche se nessuno vorrà vedere più uno spaventapasseri dopo questo.Eppure, nonostante tutta la violenza, nel film non accade quasi nulla.È bello da guardare, è innegabile, ma il film di Ellis finisce per girare a vuoto, ripetendo le stesse sequenze di sogni al punto che che iniziamo a desiderare che finalmente si sveglino tutti.Tuttavia, quando lo fanno, si dirigono direttamente verso il campo.Non vince nessuno qui.

Eight for Silver, scritto da Sean Ellis, è una coproduzione tra Stati Uniti e Francia guidata da Liddell Entertainment.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy