email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

IFFR 2021 Concorso Tiger

Recensione: Looking for Venera

di 

- Il primo lungometraggio di Norika Sefa utilizza una trama semplice ma efficace per descrivere come le ragazze adolescenti stanno crescendo nella società kosovara attuale

Recensione: Looking for Venera
Kosovare Krasniqi in Looking for Venera

La scorsa settimana, nel lungometraggio vincitore al Sundance di Blerta Basholli, Hive [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Blerta Basholli
scheda film
]
, abbiamo potuto vedere come le donne lottano per l'emancipazione nel Kosovo profondamente patriarcale. Ora, fresco vincitore del Premio Speciale della Giuria all'IFFR di Rotterdam (leggi la news), il primo lungometraggio di Norika Sefa, Looking for Venera [+leggi anche:
trailer
intervista: Norika Sefa
scheda film
]
, ci mostra come le ragazze adolescenti crescono in questa stessa società. Ma le analogie tra i due film finiscono qui.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Piuttosto che sviluppare una trama elaborata, Sefa è interessata a mostrarci il mondo abitato dai due personaggi principali, l'adolescente Venera (l’esordiente Kosovare Krasniqi, che mostra una gamma e una profondità impressionanti) e la sua amica un po' più grande Dorina (Rozafa Cefaj, una dei personaggi più memorabili in Aga's House [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Lendita Zeqiraj
scheda film
]
di Lendita Zeqiraj). Vivono in una piccola città con una fabbrica in disuso e un solo club per giovani. La casa di Venera è affollata da tre generazioni della sua famiglia, tra cui nonna, mamma e papà, e anche due giovani fratelli, così pare. Non è sempre facile capire chi è chi, poiché c'è un assortimento di vicini e cugini che vanno e vengono senza sosta, e non meno di quattro tuttofare che sono lì per aiutare il padre di Venera (Basri Lushtaku, visto anche lui in Aga's House) a sistemare una porta pericolante – un dettaglio umoristico che la dice lunga sui presuntuosi patriarchi balcanici.

Venera e Dorina frequentano un corso di inglese a casa di un’insegnante locale, e anche il soggiorno di quest’ultima è affollato di studenti. Dopo che Dorina dice a Venera che fa sesso con un ragazzo in luoghi segreti, la nostra eroina si incuriosisce e inizierà a fare esperienza anche lei con un ragazzo.

Questa è l'intera trama, ma non l'intera storia. L'approccio non ortodosso e formalmente stimolante di Sefa sfiora temi che sarebbero al centro di qualsiasi altro film, alimentando ulteriormente la ricca atmosfera visiva della pellicola. Questa qualità angusta che il film ha proviene anche dalla fotografia del venezuelano Luis Armando Arteaga (Tremors [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jayro Bustamante
scheda film
]
e Ixcanul [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jayro Bustamante
scheda film
]
di Jayro Bustamante). Tralasciando completamente le riprese panoramiche, il direttore della fotografia riprende Venera in semi primi piani, spesso relegandola in fondo all'inquadratura, sottintendendo il suo posto in famiglia. In altre scene, l'azione avviene fuori dallo schermo mentre guardiamo un gruppo di ragazzi accalcati fra loro e sentiamo un cane che strilla. Arteaga si concentra spesso sulle parti del corpo in semi primi piani o altri dettagli che indicano lo stato d'animo dei personaggi.

La tavolozza dei colori grigio-marrone, i rami degli alberi spogli, l'erba appassita e il luminoso sole invernale che splende sul terreno roccioso descrivono il modo di vivere nel villaggio come caotico. La società tradizionale è onnipresente: gli uomini guardano le donne con un misto di disapprovazione e lussuria, la madre di Venera è sempre attenta alla dignità della famiglia, e suo marito è severo e dalle labbra strette. Sembra che in questa società, una donna getti vergogna sulla sua famiglia non appena fa qualcosa da sola, tranne che stare a casa.

L’aspetto di gran lunga più attraente del film sono le due attrici principali, che interagiscono meravigliosamente l'una con l'altra, e il cui approccio e rapporto reciproco sono piuttosto toccanti e originali. Certo, ci sono "chiacchiere tra donne" sui ragazzi, ma in questo contesto, diventa inevitabilmente una cosa molto più seria. Sefa ha sviluppato i loro personaggi in modo vivido e completo, con un arco molto convincente per la tranquilla ma testarda Venera, e questo è ciò che guida principalmente il film.

Looking for Venera è una coproduzione delle kosovare Circle Production e In My Country.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy