email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE / FINANZIAMENTI Italia

Bando DGCA – MiC: 5 milioni per coproduzioni minoritarie

di 

- La Direzione generale Cinema ha pubblicato un bando che supporta la produzione di lungometraggi realizzati in regime di coproduzione o compartecipazione minoritaria

Bando DGCA – MiC: 5 milioni per coproduzioni minoritarie
Il direttore della Direzione generale Cinema e audiovisivo Nicola Borrelli

La Direzione generale Cinema e audiovisivo del Ministero della Cultura ha pubblicato ieri un bando con una dotazione di 5 milioni di euro che supporta la produzione di opere cinematografiche di lungometraggio realizzate in regime di coproduzione o compartecipazione minoritaria. Si tratta di opere in cui la partecipazione dell’impresa italiana sia minoritaria rispetto alla partecipazione dell’impresa non italiana che possiede la quota più alta di diritti di utilizzazione e sfruttamento sull’opera. Devono quindi essere opere realizzate da una o più imprese italiane e una o più imprese non italiane aventi sede in uno Stato con il quale esiste ed è vigente un accordo di coproduzione cinematografica e audiovisiva, oppure (compartecipazione internazionale) uno Stato con il quale non esistono accordi (scarica qui il bando).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La nuova Legge Cinema del 2016 prevede infatti che l'intervento pubblico a sostegno del cinema e dell'audiovisivo promuova le coproduzioni internazionali e la circolazione e la distribuzione della produzione cinematografica e audiovisiva, italiana ed europea, in Italia e all'estero.

La somma di 5 milioni di euro è divisa in due sessioni di valutazione da 2,5 milioni di euro ciascuna: la prima dal 10 maggio 2021 al 4 giugno 2021, la seconda sessione dal 6 settembre 2021 al 1 ottobre 2021. Entro la data di richiesta del contributo, l’opera, a pena di inammissibilità, deve avere ottenuto la nazionalità italiana provvisoria quale opera in coproduzione o compartecipazione internazionale. Le richieste vanno presentate attraverso la nuova piattaforma DGCOL.

Qui si possono trovare le istruzioni nel dettaglio.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy