email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

ZURIGO 2021

Recensione: The Lost Daughter

di 

- Maggie Gyllenhaal affronta uno dei più grandi tabù della società nel suo straordinario e inquietante debutto alla regia: madri che potrebbero, o meno, pentirsi di avere figli

Recensione: The Lost Daughter
Olivia Colman e Dakota Johnson in The Lost Daughter

Non ci sono dubbi riguardo alla tenacia di Maggie Gyllenhaal, poiché invece di volare basso con il suo debutto alla regia, ha scelto i migliori attori e la scrittrice più in voga, l’autrice de La mia amica geniale Elena Ferrante. The Lost Daughter è l’adattamento cinematografico del suo romanzo La figlia oscura. In arrivo al Festival di Zurigo dopo aver fatto guadagnare a Gyllenhaal il premio per la migliore sceneggiatura a Venezia, è una di quelle storie strane e inquietanti che si dipanano non nell'oscurità ma sotto il sole cocente, poiché si tratta delle vacanze della professoressa Leda (Olivia Colman), il cui nome deriva a quanto pare da una poesia di Yeats. È sola, quindi osserva ciò che le sta intorno quasi troppo da vicino ed è particolarmente presa dalla giovane mamma Nina (Dakota Johnson, un po' in stile Jersey Shore, il reality show di MTV).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

È quasi divertente il fatto che la maternità possa generare un disturbo da stress post-traumatico in questo film, poiché Leda inizia presto a ricordare i suoi primi giorni con le due figlie, che la esaurivano e divoravano ogni grammo del tempo che voleva dedicare a se stessa. Questa non è la solita dolce interpretazione delle "ricompense" che derivano dall'avere un figlio. Qui la realtà è decisamente brutale.

Potrebbero essere i ricordi, o potrebbe essere il sole, ma Leda inizia a comportarsi in modo divertente. Litigando con la losca famiglia di Nina, che scende sulla spiaggia dalla loro villa color rosa come un gruppo dei Sopranos estremamente rumorosi, finisce per rubare la bambola della bambina. Sua figlia ha rovinato la sua, secoli fa, anche se probabilmente c'è dell'altro in questo gesto istintivo per cui sembra sinceramente imbarazzata, o forse è qualcosa che le concede qualche perversa soddisfazione. È come se il suo personaggio fosse definito da piccoli atti di sfida come questo, o da una miccia corta, e Colman ne traesse il massimo. Quello che le è stato assegnato è un ruolo incredibilmente complesso, esilarante e imbarazzante, così come a Jessie Buckley, che interpreta la protagonista da giovane: una donna (o, meglio, donne) che lotta costantemente per la sopravvivenza, sia durante le "vacanze lavorative" in Grecia che a casa, tra tutte quegli strilli che minacciavano la sua carriera accademica e la sua sanità mentale. È persino così pungente da dire a una donna in attesa che "i bambini sono una responsabilità schiacciante", perché qualcuno deve farlo.

Gli uomini vanno e vengono nel film (Ed Harris, Paul Mescal di Normal People), ma si percepiscono a malapena, con gli scontri più interessanti – e più strani – riservati al cast femminile. È meraviglioso che nessuno qui sia solo una cosa, non solo "una madre", "un'amante" o "una moglie", tutte che si sciolgono nel calore e crollano. Se questo è solo l'inizio per la Gyllenhaal regista, fa quasi paura pensare a quanto in profondità potrebbe tuffarsi in futuro.

The Lost Daughter è una coproduzione greco-americana-britannica-israeliana guidata da Endeavour Content (che si occupa anche delle vendite mondiali) con Samuel Marshall Films, Pie Films e Maggie Gyllenhaal. Sarà distribuito da Netflix.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy