email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FILM / RECENSIONI Paesi Bassi / Grecia

Recensione: Do Not Hesitate

di 

- L'avvincente film di Shariff Korver racconta la storia di tre soldati olandesi che perdono il contatto con la realtà quando la loro missione in Medio Oriente prende una svolta inaspettata

Recensione: Do Not Hesitate
Joes Brauers, Spencer Bogaert, Tobias Kersloot e Omar Alwan in Do Not Hesitate

Sebbene i protagonisti di Do Not Hesitate [+leggi anche:
intervista: Shariff Korver
scheda film
]
di Shariff Korver siano tre soldati, questo non è il tipico film di guerra, come conferma il fatto che c’è a malapena qualche colpo sparato durante l'intera i 90 minuti di durata. Il dramma, piuttosto, si svolge nelle menti delle giovani truppe olandesi mentre la loro missione militare va a rotoli. Korver è riuscito a realizzare un film avvincente in cui noi, come spettatori, siamo testimoni del trauma in corso. Do Not Hesitate è stato presentato in anteprima mondiale al Tribeca Film Festival e uscirà nelle sale l'11 novembre. È stato anche selezionato come candidato olandese per il miglior lungometraggio internazionale agli Academy Awards (leggi la news).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

I protagonisti Erik (Joes Brauers), Roy (Spencer Bogaert) e Thomas (Tobias Kersloot) si trovano nel mezzo di una missione di pace in un imprecisato paese mediorientale. Viene loro ordinato di rimanere indietro con un camion in panne e di attendere i soccorsi. Quando sparano accidentalmente a una capra e la seppelliscono, iniziano a sviluppare un rapporto imprevedibile con il suo proprietario, un ragazzo locale di 14 anni. L’instabilità mentale dei soldati inizia a manifestarsi perché sembrano proprio non sapere cosa fare con questo ragazzino piuttosto prepotente, che continua a chiedere denaro e cibo in arabo, lingua che loro non capiscono. Man mano che la tensione aumenta, la loro impotenza si trasforma lentamente in aggressività rivolta l'uno verso l'altro. Quando poi si ritrovano senza acqua e gli aiuti non si vedono ancora, i tre cominciano a dipendere dal ragazzo e, allo stesso tempo, sono riluttanti a fidarsi di lui.

La loro paura e mancanza di prospettiva li allontano dalla realtà, e questo è qualcosa che si percepisce attraverso le immagini. Ci sono vasti paesaggi e nuvole passeggere, con pochissima vita intorno; potrebbe anche essere un altro pianeta. La situazione va fuori controllo quando emergono le loro emozioni primarie e i loro valori diventano piuttosto fluidi, facendo diventare il ragazzo una vittima del loro conflitto.

L’obiettivo del film è di rivelare il processo di esposizione dei soldati a situazioni estreme, come quella in cui si trovano Erik, Roy e Thomas, sollevando interrogativi sullo stress che crea e sul modo in cui lo affrontano. Anche la musica è un elemento interessante, poiché sottolinea l'approccio lineare che ci si potrebbe aspettare da un soldato di professione. Il film inizia dietro a una batteria, da qualche parte nei Paesi Bassi. Erik è ancora a casa e sta suonando un'ultima volta, proprio prima della sua missione. Sta picchiando intensamente sulla sua batteria, e l’eccitazione è chiaramente visibile nella sua concentrazione e nelle sue risate, che mettono a nudo la sua innocenza infantile. Più tardi, ci rendiamo conto che non aveva idea di come sarebbe stato effettivamente andare in missione. Mentre la trama si intensifica, la presa salda di Erik inizia ad allentarsi. Il ritmo della batteria si sente per tutto il film, e ricorda a Erik, e a noi, quanto pensasse di essere stabile una volta.

Il film si conclude con il debriefing dei soldati a Creta, che è pensato principalmente come un momento per sfogarsi prima di tornare nel mondo reale. Le scene dei ragazzi che si spostano da un club all'altro sono accostate a sessioni di terapia provvisoria. Tutto quel bere, ballare, piangere e urlare è in netto contrasto con la sessione di gruppo in cui nessuno dice come si sente. “È il nostro lavoro, siamo preparati per questo", riassume uno di loro.

Do Not Hesitate è prodotto dalla società olandese Lemming Film in coproduzione con NTR e la greca Heretic. Le vendite internazionali sono gestite da TrustNordisk.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy