email print share on Facebook share on Twitter share on LinkedIn share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2023 Cannes Première

Recensione: Eureka

di 

- CANNES 2023: Metamorfosi, fango e follia abbondano nell'ultima opera di Lisandro Alonso, un'esplorazione dei legami tra gruppi indigeni globali

Recensione: Eureka
Viggo Mortensen in Eureka

Coscienza globale, misticismo, metafisica, terra e territorio. Questo è il terreno attraversato da Lisandro Alonso nel suo atteso Eureka [+leggi anche:
trailer
intervista: Lisandro Alonso
scheda film
]
, che segna solo il secondo film in due decenni del regista argentino, dopo Jauja [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del 2014. Manifestando uno spirito sperimentale – soprattutto nella sua determinazione a provare le cose per se stesse, senza temere che non si realizzino del tutto – Eureka è un'esperienza inebriante, stimolante e spesso bellissima, con un minimalismo artistico al suo massimo grado di elasticità e consistenza. Presentato al Festival di Cannes nella sezione Cannes Première, molti si aspettavano che segnasse il debutto di Alonso in concorso, ma questo lancio meno pressante è adatto alla sua aura quieta, riflessiva e dirompente.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
sunnysideofthedoc_register_2024_innerMai

Come descrizione, più che come critica, Eureka è forse anche un film di superficie, più che di esposizione profonda o di chiarezza sul suo soggetto. A parte un breve prologo in stile western, il suo scopo principale è quello di contrapporre e invocare la vita indigena negli Stati Uniti e in Brasile, e come ogni terreno ha forzato un rifiuto o un tentativo di abbraccio della modernità. Ma nonostante ciò, il film, che Alonso ha sceneggiato insieme a Martín Caamaño e Fabian Casas, non ci fornisce tutte le informazioni che vorremmo su costumi, cause ed effetti. In realtà, e probabilmente è voluto, viene mantenuto un senso di mistero: allo spettatore non nativo del film viene concessa la possibilità di essere perplesso ed estraneo, tanto per cambiare.

Il vendicatore Murphy (Viggo Mortensen), che nel prologo entra a cavallo in un'innominata e sgangherata città mineraria del XIX secolo, sembra ingannevolmente assumere il ruolo di protagonista, ma presto cede il passo ai personaggi indigeni. Quello di Alonso è un cinema di movimento e di terreni transitori e, nonostante il loro profondo legame con la terra, gli indigeni sono sempre in movimento, trascendendo i limiti del loro stato fisico, ma non vengono mai spostati o ripuliti in modo cruciale dalla loro casa e dal loro focolare. La seconda sezione principale incarna in modo affascinante questo aspetto nella figura di Alaina (Alaina Clifford), una poliziotta di pattuglia in una riserva del Nord Dakota, di cui seguiamo i compiti con paziente realismo. Il disordine sociale dei moderni nativi americani è dolorosamente evocato – l'alcolismo, la povertà e i tentativi di suicidio – e Alonso ci permette di valutare come Alaina si conceda una vita e uno stipendio stabili, da borghese, essendo il braccio rigido delle forze dell'ordine contro la sua stessa comunità.

C'è speranza, tuttavia, nella figlia Sadie (Sadie Lapointe), allenatrice di pallacanestro in un liceo locale, che guarda al nonno (il cui piccolo ruolo all'inizio del prologo è solo un'indicazione dello slittamento temporale e della logica dei sogni che Alonso impiega) per arricchire il senso della sua eredità. Un brillante coup de cinéma si verifica successivamente, fornendo un ponte inquietante nel filone narrativo ambientato in Amazzonia, dove le sessioni di terapia quasi di gruppo dei personaggi indigeni brasiliani permettono loro di raccontare i loro sogni recenti, indicando che ciò che stiamo guardando potrebbe essere molto simile. Questa comunità non è stata soggetta a trasferimenti come quelle di altre "prime nazioni", eppure le opportunità di estrazione dell'oro seminano discordia, sfruttamento e una sorta di maledizione esistenziale per coloro che sono tentati dagli insediamenti tradizionali. Un'eco viene creata anche dagli avvenimenti dell'inizio, poiché questo scenario si chiude con l'esazione di una vendetta catartica.

Con David Lynch che sembra essere una felice ispirazione per il panorama di vita dei nativi di Alonso, Eureka può essere visto come un nastro di Möbius narrativo, dove le credenze ancestrali e il misticismo reclamano il modo in cui i coloni europei hanno distrutto l'equilibrio degli indigeni con il mondo. E il regista sa che non può essere a conoscenza di ogni parola dei loro segreti sepolti.

Eureka è una coproduzione tra Francia, Germania, Portogallo, Messico e Argentina, guidata da Slot Machine, Komplizen Film, Rosa Filmes, Woo Films, 4L, Luxbox e Arte France Cinéma. Le vendite internazionali sono curate da Le Pacte.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy