email print share on Facebook share on Twitter share on LinkedIn share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2024 Berlinale Special

Recensione: Love Lies Bleeding

di 

- BERLINALE 2024: Rose Glass dà il massimo nel suo primo film prodotto negli Stati Uniti, un'affettata combinazione di thriller poliziesco e storia d'amore lesbica con Kristen Stewart e Katy O'Brian

Recensione: Love Lies Bleeding
Katy O'Brian e Kristen Stewart in Love Lies Bleeding

Se l'esordio della regista britannica Rose Glass, Saint Maud [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Rose Glass
scheda film
]
, era un film dell'orrore disciplinato e mirato, la sua prima avventura americana, Love Lies Bleeding [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, presentata in anteprima europea come proiezione speciale alla Berlinale, è il suo opposto: un'appassionante storia d'amore lesbica, un crime-thriller con elementi fantasy da incubo e una dichiarazione femminista che non rifugge dal camp e non si prende troppo sul serio. Il risultato è una corsa sfrenata che non raggiunge le vette artistiche del primo lungometraggio della Glass, ma non pretende nemmeno di farlo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
sunnysideofthedoc_register_2024_innerMai

Lou (Kristen Stewart) è un'impiegata di una palestra nella cittadina del New Mexico nel 1989. Questo lavoro senza prospettive le permette di incontrare Jackie (Katy O'Brian), una body-builder sbandata che sogna di sfondare a Las Vegas. I due iniziano subito una storia d'amore appassionata, con Lou che aiuta Jackie a raggiungere il suo obiettivo - che forse diventa anche il suo - fornendole steroidi da banco.

Ma la situazione di Lou è molto più complicata di quanto sembri. Suo padre, il signore del crimine locale Lou Sr (un Ed Harris dai capelli lunghi e minacciosamente trattenuto, un piacere da vedere) è il proprietario del poligono di tiro locale, dove Jackie trova lavoro come cameriera dopo aver fatto sesso sul sedile posteriore con il gestore del locale, JJ (Dave Franco), che a sua volta è il marito violento di Beth (Jena Malone), sorella di Lou. Quando Beth finisce in ospedale con gravi ferite, si innesca una catena di eventi alimentata non poco dall'eccesso di steroidi di Jackie, che la rendono frenetica ed estremamente aggressiva.

Da questo momento in poi, il film assume le sembianze di un crime-thriller in stile fratelli Coen, con la conta dei morti che si accumulano attraverso inaspettate e improvvise esplosioni di violenza e maldestri tentativi di nascondere i crimini e depistare la polizia, finanziata da Lou Sr. C'è anche l'FBI, che gli dà la caccia ma non ha le prove per inchiodarlo.

La fotografia widescreen di Ben Fordesman cattura l'America di Glass come un luogo di sogni scartati, bettole, strade polverose e spazi deserti. In questa atmosfera, la storia d'amore tra Lou e Jackie è ancora più crudamente sessuale e sovversiva, ma anche senza speranza, se non fosse per il fantasioso finale. L'effetto degli steroidi sul corpo di Jackie è mostrato in modo allucinatorio, il che potrebbe far pensare che si tratti solo di una sua percezione, ma se fosse "reale", si adatterebbe allo spirito campy del film, che si ferma appena al di là del trash più sfrenato. Il controllo tonale di Glass è ammirevole.

Stewart, che sta vivendo un momento di rinascita della sua carriera di attrice, e l'esplosiva esordiente O'Brian sono perfettamente accoppiati: la disillusione e il cinismo della prima trovano un'adeguata controparte nell'entusiasmo e nella spensieratezza della seconda, ma man mano che il loro rapporto si modifica e il comportamento di Jackie diventa sempre più irregolare, la Stewart passa a una modalità più affermativa e decisamente stringata.

Ambientato alla fine degli anni '80, il film mostra dettagli accurati dell'epoca, fortunatamente senza immergersi troppo nella nostalgia troppo sfruttata per l'epoca, iniziata con Stranger Things. La variegata colonna sonora di Clint Mansell inizia con un brano che richiama i temi di suspense di John Carpenter con la sua linea di basso e gli accordi di sintetizzatore, ma con l'avanzare del film cambia e diventa completamente diversa.

Love Lies Bleeding è un film che non va molto in profondità, ma  compensa ampiamente con il suo sfrenato slancio cinematografico, l'approccio tematico audace e i personaggi affascinanti. Il film è una coproduzione britannico-statunitense di A24, Lobo Films ed Escape Plan.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy