email print share on Facebook share on Twitter share on LinkedIn share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2024 Panorama

Recensione: Yo vi tres luces negras

di 

- BERLINALE 2024: Il secondo lungometraggio di Santiago Lozano Álvarez esamina la confluenza contemporanea di spiritualità, guarigione tradizionale e conflitto paramilitare nella Colombia rurale

Recensione: Yo vi tres luces negras
Manuel Valenzuela, Delio Angulo e María Estella Quintero in Yo vi tres luces negras

Dalla metà del XX secolo la Colombia è stata sede di uno dei più complessi paesaggi contemporanei di conflitti di guerriglia e paramilitari del mondo. I movimenti militanti sono emersi, in gran parte, come risposta organizzata all'intervento imperialista degli Stati Uniti, che ha appoggiato i gruppi di estrema destra e che alla fine ha portato a una guerra civile. Oggi questi scontri si intersecano con le città della Colombia rurale, dove l'oscura storia del colonialismo spagnolo e della schiavitù ha portato a comunità afro-colombiane con un vibrante senso della cultura, della spiritualità e del proprio patrimonio, ma che devono affrontare minacce economiche e politiche da molti punti di vista.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
Hot docs EFP inside

Nel suo secondo lungometraggio, Yo vi tres luces negras, il regista Santiago Lozano Álvarez riprende questa specifica ambientazione e confluenza di idee per esplorare l'intreccio delle lotte afro-colombiane nella Colombia rurale. Il film è stato presentato in anteprima nella sezione Panorama della 74ma Berlinale ed è co-sceneggiato dal regista con Fernando del Razo.

José (Jesús María Mina), un anziano afrocolombiano che vive lungo la costa colombiana del Pacifico, riceve la visita del fantasma corporeo del figlio Pium Pium (Julián Ramirez), ucciso violentemente da una fazione armata di militanti. Avvertito dal figlio che presto morirà anche lui, José si addentra nella giungla per trovare un luogo tranquillo in cui restare. Dopo essere stato avvertito da un gruppo paramilitare di non addentrarsi più nella giungla, i segreti della città vengono svelati durante le sue peregrinazioni e i contatti con gli abitanti del luogo.

José, in un'interpretazione sobria ma tenera da parte di Mina, si trova spesso a veglie e rituali riscaldati dalla luce delle candele. Possedendo la capacità di percepire aspetti nascosti del mondo che lo circonda, è in contatto profondo con la medicina a base di erbe e le pratiche di guarigione, che occupano un posto essenziale nella comunità. Lui e le figure ancestrali guardano e superano la macchina da presa, confrontandosi senza rumore con lo spettatore durante sequenze spiritualmente guidate - ma mai mistiche - che combinano i vivi e gli esseri ultraterreni.

Il piccolo villaggio del protagonista è pieno di abitanti i cui figli e figlie sono stati uccisi - come Pium Pium - o sono stati fatti scomparire dai gruppi paramilitari che operano nelle giungle della Colombia. La ricerca dell'oro su piccola scala (e probabilmente illegale) rivela cadaveri sepolti da tempo e i resti della violenza che vengono spazzati via dal silenzio dei civili. Ma i meandri della narrazione sono, a volte, troppo confusi e criptici per poter comprendere gli obiettivi tematici del film, con dialoghi minimi che riempiono il resto. Quando il film si allontana dall'affascinante avventura di José nella giungla, perde l'attenzione necessaria per afferrare la sua vita quotidiana.

Il film eccelle soprattutto per il suo stile visivo, con il direttore della fotografia Juan Velásquez che conferisce un calore emotivo a ogni scena, nonostante il film sia stato colorato con toni freddi. Combinando una delicata marimba con il sordo ticchettio della pioggia e il cinguettio degli uccelli, il sound designer Jose Miguel Enríquez crea il riverbero della giungla intorno a José. Le musiche vocali di Nidia Góngora, in cui una cantante parla di mangrovie, fanno sì che Yo vi tres luces negras si basi ulteriormente sul legame umano con la natura, forse anche più della storia stessa.

Yo vi tres luces negras è prodotto dalla colombiana Contravía Films in coproduzione con la messicana Malacosa Cine, la francese Dublin Films, la tedesca Autentika Films e la colombiana Bárbara Films. Le vendite internazionali sono gestite dalla tedesca Arthood Entertainment.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy