email print share on Facebook share on Twitter share on LinkedIn share on reddit pin on Pinterest

TORINOFILMLAB 2024

FeatureLab 2024 prende il via con una sessione a Opatija

di 

- Dieci progetti internazionali e sei nazionali sono stati presentati a un team di mentori durante il workshop sulla costa croata

FeatureLab 2024 prende il via con una sessione a Opatija
I partecipanti e i mentori coinvolti nel workshop

Il workshop inaugurale del programma FeatureLab 2024 del TorinoFilmLab si è svolto dal 4 al 9 giugno presso il Grand Adriatic Hotel di Opatija, sulla costa croata. L'evento è stato organizzato congiuntamente dal TorinoFilmLab e dal Centro audiovisivo croato. I team creativi di dieci progetti selezionati da tutto il mondo (elencati di seguito) hanno incontrato i loro formatori (anch'essi elencati), professionisti affermati in vari settori dell'industria cinematografica, al fine di trarre aiuto e consigli per i loro prossimi film.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

"Siamo entusiasti della nostra collaborazione con il Centro audiovisivo croato, che ha ospitato con successo il nostro ultimo workshop FeatureLab”, ha dichiarato il direttore generale del TorinoFilmLab Mercedes Fernandez. “Questa partnership ci permette di estendere il nostro impegno a sostenere e formare talenti cinematografici emergenti a livello internazionale. Il workshop è stato un incontro di menti creative, in cui i partecipanti hanno avuto l'opportunità di imparare, sperimentare e crescere grazie all'esperienza e alla guida di professionisti del settore. La splendida cornice di Opatija in Croazia ha fornito un ambiente stimolante, favorendo un clima di collaborazione. Questa esperienza dimostra il potere della cooperazione internazionale nel mondo del cinema. Insieme possiamo costruire ponti tra culture diverse, promuovendo la diversità e l'inclusività e creando un terreno fertile per la nascita di nuovi progetti cinematografici di alto valore artistico. Insieme, possiamo sostenere e ispirare la prossima generazione di registi".

L'unico evento aperto al pubblico è stato il TorinoFilmLab Industry Day che si è svolto venerdì 7 giugno, nel pomeriggio, dopo una sessione mattutina (chiusa al pubblico) in cui sei progetti croati selezionati (vedi elenco sotto) sono stati presentati ai mentori in base alle esigenze dei progetti stessi. "Questo incontro è stato utile e importante per il mio progetto e, allo stesso tempo, è stato incoraggiante per continuare il processo di sviluppo e iniziare a filmare il materiale iniziale", ha detto uno dei partecipanti croati, il regista Bruno Pavić, a proposito della sua sessione di consultazione di un'ora con uno dei mentori, Chiara Laudani.

La sessione pubblica è consistita in un discorso di apertura da parte della responsabile degli studi del TorinoFilmLab, Violeta Bava, e della vicedirettrice del Centro Audiovisivo Croato, Maja Vukić; in una breve presentazione dei programmi e delle attività del TorinoFilmLab da parte di Greta Fornari; e in due masterclass tenute dalla formatrice di produzione Marta Andreu e dal formatore di regia Rodrigo Moreno. Fornari ha presentato i laboratori più noti come ScriptLab e ScriptLab Story Editing, FeatureLab e SeriesLab, oltre a quelli più recenti o meno noti come ComedyLab, GreenFilmLab e BoostItLab, con le date di apertura dei bandi, e i fondi TFL - uno per la coproduzione e uno per l'audience design.

La masterclass di Marta Andreu, intitolata "Three Forms of Freedom and One Inevitable Repetition" (Tre forme di libertà e una ripetizione inevitabile), ha avuto una struttura piuttosto formale ma un contenuto filosofico,  in linea con lo stile di filmmaking che sostiene attraverso l'hub Walden che ha creato nel 2017, e in generale con il tipo di film (documentari) che produce. Durante la masterclass, Andreu ha utilizzato non solo esempi dal mondo del cinema, come il documentario breve Paradise (1995) di Sergei Dvortsevoy e il lungometraggio The Last Autumn [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
(2019) di Yrsa Roca Fannberg, ma anche quelli della letteratura e delle arti visive a sostegno dell'argomento del suo intervento. Le tre libertà che ha individuato sono la libertà dell'incidente, la libertà di non sapere e la libertà di una seconda risposta (dato che il cinema stesso è già una risposta alla realtà), mentre l'inevitabile ripetizione paradossale è trovare la propria voce ma perdere la propria libertà, completando il film.

Al contrario, la masterclass di Rodrigo Moreno è stata meno formale nella struttura e più pratica nella sostanza, poiché si è svolta più come una conversazione tra il regista argentino e Violeta Bava, partendo dagli esordi del regista nel Nuovo Cinema Argentino e arrivando al processo creativo che ha portato alla realizzazione di The Delinquents [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Rodrigo Moreno
scheda film
]
(2023), che riprende tutti i suoi film precedenti, ma fa anche molto di più. Moreno ha parlato del suo "difficile rapporto con il realismo", della sua incapacità di essere "un regista professionista", del suo amore per i rituali, che considera cinematografici, del motivo per cui è quasi sempre uno dei produttori dei suoi film e infine della libertà, che per lui, così come per i personaggi del suo ultimo film, non è tanto una questione di soldi quanto di tempo.

Ecco l'elenco dei progetti e dei partecipanti al FeatureLab internazionale:

A Day in the Life of Jo: Chapter Phaedra (Grecia)
Regista: Jacqueline Lentzou
Produttore: Annabelle Aronis

Antonivka (Ucraina/Lituania)
Regista: Kateryna Gornostai
Produttore: Dagne Vildziunaite

Cold Ashes Can Cause Forest Fires (India/Francia)
Regista: Ashmita Guha Neogi
Produttore: Avantika Singh Desbouvries

Hard Sub (Azerbaigian/Germania)
Regista: Novruz Hikmet
Produttore: Julian Gerchow

La notte brucia (Italia)
Regista: Angelica Gallo
Produttore: Andrea Gori

The Boy and the Fight of the Spiders (Filippine/Francia)
Regista: Jarell Mahinay Serencio
Scrittore: Homer Novico
Produttore: Claire Lajoumard

Sea, Star, Woman (Corea del Sud/Francia)
Regista: Jeunghae Yim
Produttore: Helen Olive

Legacy (Bielorussia/Germania)
Regista: Aliaksei Paluyan
Produttore: Paulina Tonne

Versorgen (Svizzera)
Regista: Nora Longatti
Produttore: Chantal Scheiner

Yellow Chrysanthemum (Brasile)
Regista: André Hayato Saito
Produttore: Mayra Farou Ayad

Ecco l'elenco dei progetti e dei partecipanti croati:

Folka
Regista: Ivan Veljača
Produttore: Katarina Prpić

Milch Cow
Regista: Miroslav Sikavica
Produttore: Miljenka Čogelja

Naked After Divorceio
Regista: Biljana Čakić

Svilaja
Regista: Bruno Pavić

Stories from a Can
Regista: Tanja Golić
Co-sceneggiatore: Olinka Vištica

Tekton – Chained Dog
Regista: Tin Žanić
Co-sceneggiatore: Jan Klemsche

Ecco l'elenco dei mentori del TorinoFilmLab FeatureLab:

Head of studies: Violeta Bava
Production trainers: Marta Andreu, Benjamin Domenech
Directing trainer: Rodrigo Moreno
Sound design trainer: Vasco Pimentel
Editing trainer: Jorge Jacome
Script tutors: Chiara Laudani, Miguel Machalski, Marietta Von Hausswolff Von Baumgarten
Pitching trainer: Paul Tyler

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy