email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2005 Concorso

L'utopia di One day in Europe

di 

- Ha un'origine ed uno sviluppo profondamente europei il film che vede il ritorno di Hannes Stöhr alla Berlinale, dove quattro anni fa vinse il Premio del pubblico nella sezione Panorama

L'utopia  di One day in Europe

Esistono dei simboli comunitari capaci di unire tutti gli abitanti d'Europa tanto da giustificare l'esistenza di uno European way of life?
One Day in Europe, ritorno di Hannes Stöhr alla Berlinale, che la vide, quattro anni fa, vincitrice del Premio del pubblico per la sezione Panorama con Berlin is in Germany, ha un'origine ed uno sviluppo profondamente europei.
Il canovaccio di quattro storie simili - un furto subìto in una città straniera - nella medesima giornata, quella della finale di Champions League tra i turchi del Galatasaray e gli spagnoli del Deportivo La Coruña, è lo spunto che lega delle stesse sorti i cittadini di un'Europa allargata.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

"Volevo un film fatto di piccole scene, di attimi e di esperienze personali che ho vissuto negli anni passati. Parlo di Europa e dell'incontro di mentalità europee, ma soprattutto di una grande utopia", ha sottolineato la regista, ricordando che "la volontà pan-europeista di questo film è stata forte a partire dalla scelta dei produttori".
Il film, infatti, è stato realizzato grazie al fondo Eurimages per la coproduzione, e alla collaborazione fra la tedesca Moneypenny Filmproduktion e la spagnola Filmanova, oltre al supporto di TVG Televisión de Galicia, ARTE, Filmboard Berlin-BrandenburgFilmstiftung NRW e del CinePostproduction Geyer Köln & Geyer Berlin.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy