email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2005 Panorama

L'esilio di Radu Mihaileanu

di 

L'esilio di Radu Mihaileanu

Il bel film di Radu Mihaileanu, Va, vis et deviens, presentato in concorso a Berlino ha ricevuto una accoglienza calorosa dal pubblico. Al mercato del film molti buyers si sono domostrati interessati.

Nel 1984, migliaia di rifugiati raggiungono il Sudan per sfuggire alla carestia. Tra di essi, due etiopi di confessione ebraica, i Falashas, sono rimpatriati in Israele. Per salvare suo figlio, una donna lo affida a una madre ebrea che ha appena perduto il suo bambino. Va, vis et deviens ("Vai, vivi e diventa") sono le ultime parole che la prima rivolge al figlio. Andare sì, ma diventare cosa? Ribattezzato con il nome del bambino morto, Salomon cresce nella mensogna, con la paura di essere scoperto e rispedito verso la morte, con il senso di colpa di tradire le proprie origini, con il terrore di aver usurpato una identità.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Questo terzo lungometraggio del regista di Train de vie estrae da un destino collettivo il percorso individuale di un ragazzo per seguire lo sviluppo della sua identità. Seguendo silenziosamente a distanza il suo personaggio, nelle sue ferite, nei suoi segreti e nelle sue battaglie, grazie a dei bei personaggi di sfondo, il regista rumeno costruisce un racconto profondamente umanista, intessuto di lingue, culture e religioni differenti. Epopea individuale con sullo sfondo la storia di Israele, Va, vis et deviens è una tragedia delle origini che trova il suo epilogo nell'accettazione di una identità che ha le sembianze di "una torre di Babele", dice il regista.

Coproduzione europea, Va, vis et deviens è prodotto da Elzévir Production e Oï oï oï production (la società di Radu Mihaileanu), coprodotto da Cattleya, K2, Transfax, France 3 Cinéma, con il sostegno di d'Eurimage e Canal+ , del CNC, e della Communauté française de Belgique e dei Télédistributeurs Wallons. Le vendite sono assicurate da Films Distribution.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy