email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE Polonia

Call of the Toad va a Cannes

di 

La coproduzione europea Call of the Toad (Unkenrufe, Wróz by kumaka) realizzata dal regista polacco Robert Glinski sarà venduta al prossimo Marché di Cannes dalla società tedesca Telepool. Adattamento di un romanzo del premio nobel Gunter Grass, il nuovo film del regista conosciuto con Hi, Teresa (2002) racconta la storia d'amore tra Alexandre, uno storico dell'arte di ritorno a Danzica, la sua cttà natale, e Aleksandra, una restauratrice originaria di Vilnius, in Lituania. I due vedovi, interpretati da Matthias Habich (Nowhere in Africa) e Krystyna Janda (Mephisto), sono uniti dalla volontà di creare una fondazione che permetterebbe ai tedeschi di Danzica e ai lituani di Vilnius di farsi seppellire in un cimitero della riconciliazione. Una sceneggiatura firmata dal regista insieme a Klaus Richter, Pawel Huelle, Cezary Harasimowicz e Bhasker Patel.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Con un finanziamento di 370.000 euro del fondo Eurimages, oltre che un sostegno del Filmstiftung NRW e del ministero della Cultura polacco, Call of the Toad è stato prodotto dalla tedesca Ziegler Films (Colonia e Berlino), dai polacchi di FilmContract e dai britannici di Killerpic (Londra) per un budget totale di 4,1 milioni di dollari. Girato in autunno, il film uscira nelle sale tedeschi il 22 settembre con NFP Marketing & Distribution.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy