email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2005 Un Certain Regard

La Terre abandonnée : nel limbo del dopoguerra

di 

Uno strano viaggio ha portato ieri pomeriggio il pubblico della sezione Un Certain Regard verso le aree desolate dello Sri Lanka, una regione totalmente abbandonata alla natura dove gli uomini e le donne penano a trovare dei segnali di vita dopo venti anni di guerra civile. Prodotto da par Philippe Avril per la società francese Unlimited , in coproduzione con Arte France Cinéma, Les Films de l’Etranger e il rivenditore internazionale Onoma, in collaborazione con la scuola Le Fresnoy, La Terre abandonnée (Sulanga Enu Pinisa) del regista srilankese residente in Francia Vimukthi Jayasundara ha lasciato impietriti i presenti con il suo ritmo lancinante che si alimenta di atmosfere di vuoto esistenziale.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ricostruendo la vita quotidiana simile al niente di una famiglia (un uomo, sua moglie, sua sorella e sua nipote), il primo lungometraggio del regista passato dalla Cinéfondation riesce a distillare un cocktail affascinante di tempi allungati all'estremo e di una calma che evoca la morte, senza però mostrarla quasi mai. Oltre alle pulsioni primitive dei corpi e ai monologhi di un vecchio che racconta la sua vita a una bambina, il regista assorbe con poesia tutto di queste giornate senza comunicazione (dialoghi ridotti ai minimi termini), compresi i monsoni che rappresentano una ulteriore minaccia venuta dal cielo per questi esseri umani spenti e senza avvenire. Realizzato con un budget di 973 000 euro ( 200 000 da Arte), La Terre abandonnée ha ottenuto il sostegno del Fonds Sud del CNC (Francia), dei fondi olandesi Hubert Bals e Prince Claus, oltre all'appoggio della regione francese Alsazia e della comunità urbana di Strasburgo. Uno sforzo finanziario che mostra una volta ancora il ruolo decisivo dell'Europa, e in particoalre della Francia, nello sviluppo di un cinema d'autore a livello mondiale. Una diversità multiculturale che permeterà a La Terre abandonnée di accedere agli schermi di numerosi paesi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy