email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2005 Quinzaine des Réalisateurs

Alice, nel paese della disperazione

di 

In competizione per la Camera d’Oro, Alice [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Marco Martins
intervista: Nuno Lopes
scheda film
]
di Marco Martins è un ritratto intenso sulla perdita della speranza, che si appoggia sulla straordinaria interpretazione di due giovani talenti: Nuno Lopes e Beatriz Batarda (Le Rivages des Murmures).

Il film, presentato alla Quinzaine des Réalisateurs, ha ricevuto un’accoglienza calorosa da parte della critica e del pubblico, che non è rimasto indifferente alla capacità del regista di creare un narrazione psicologica in cui la sofferenza dei personaggi è mostrata fino ad essere insopportabile. La cinepresa di Martins non ha paura di farci condividere i tormenti di un padre in cerca di Alice, la figlia di 4 anni, scomparsa da mesi. Tutti i giorni, Mario (Nuno Lopes) distribuisce delle foto di Alice e verifica le registrazioni nelle camere di sorveglianza installate in alcune postazioni strategiche come le finestre dei suoi amici o il tetto dell’aeroporto. Questa routine, che si trasforma a poco a poco in un’ossessione pericolosa, contrasta apertamente con la disperazione passiva di sua moglie. Il film è un lungo flash back che parte dal presente per arrivare alla scomparsa di Alice esattamente 193 giorni prima. Il regista riesce a illustrare la degradazione della coppia, catturando il loro equilibrio fragile tra speranza e follia. Da sottolineare la bella fotografia di Carlos Lopes, che ci immerge in un’atmosfera deprimente, grigia e bluastra, in sintonia con l’umore dei protagonisti.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Martins, diplomato alla scuola di cinema di Lisbona nel 1994, ha lavorato nel settore della produzione con Wim Wenders e Manoel de Oliveira, ed è considerato tra i registi più rappresentativi del nuovo cinema portoghese. Alice è senza alcun dubbio l’opera prima più sbalorditiva di questi ultimi anni.

Il film è stato prodotto da Paulo Branco per Clap Filmes con il sostegno del Ministero della Cultura portoghese, dell'ICAM e della televisione pubblica RTP. Le vendite internazionali sono gestite da Gémini Films.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy