email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Karlovy Vary

Un pieno di premi per Moj Nikifor

di 

Un pieno di premi per Moj Nikifor

Il regista polacco Krysztof Krauze è il grande vincitore di questa quarantesima edizione del Karlovy Vary International Film Festival. Il suo film, Moj Nikifor (“My Nikifor”), biografia del celebre pittore polacco Nikifor Krynicki, porta a casa il premio per il miglior film.
Krauze ha vinto anche il premio per il miglior regista e a Krystyna Feldman, l’ottantacinquenne attrice che nel film è il protagonista maschile, il premio per la migliore interpretazione femminile.
“Non male” ha scherzato Krauze, evidentemente molto emozionato quando, sul palco, ha ritirato il massimo riconoscimento della premiazione, quello al miglior film, accompagnato da un assegno di 20,000 dollari. La giuria, presieduta dal regista e produttore inglese Michael Radford, ha decretato all’unanimità la vittoria del candidato polacco, preferendo questa pellicola alle altre tredici in competizione per “l’originalità della storia e la realizzazione del film”.
Il lungometraggio di Krauze aveva precedentemente ricevuto una menzione speciale dalla International Association of Film Societies.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

L’italiano Luca Zingaretti, apprezzato per il ritratto di don Giuseppe Puglisi, prete in lotta contro la mafia, ne Alla luce del sole (“Come into the light”) di Roberto Faenza, ha diviso il premio come miglior attore con l’israeliano Uri Gavriel.
La co-produzione Austria/Russia, Ragin, diretta da Kiril Serebrennikov, ha vinto il massimo riconoscimento della sezione “East of the West”, da quest’anno diventata competitiva. Menzione speciale, sempre in questa sezione, al divertente Wesele (“The wedding”) di Wojtek Smarzowski.

Tra gli altri riconoscimenti, il premio della critica internazionale, FIPRESCI, è andato alla co-produzione Cina/Danimarca Kinamand (“Chinaman”), diretta da Henrik Ruben Genz, mentre Los Muertos (“The dead”) dell’argentino Lisandro Alonso ha vinto il premio per il miglior lavoro indipendente conferito dalla televisione ceca (“Czech Television’s Independent Camera for the best work”).
Più di 142,000 spettatori alle 517 proiezioni del festival, quasi 20,000 in più rispetto allo scorso anno. La quarantunesima edizione del festival si terrà dal 30 giugno all’8 luglio 2006.

Lista dei premi principali:

GRAN PREMIO – GLOBO DI CRISTALLO
Moj Nikifor, Polonia, 2004, regista Krysztof Krauze

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA
Eize makom nifla (“What a wonderful place”), Israele 2005, regista Eyal Halfon

MENZIONE SPECIALE
Noriko no shokutaku (“Noriko’s dinner table”), Giappone 2005, regista Sion Sono

MIGLIOR REGISTA
Krysztof Krauze, Polonia, per il film Moj Nikifor, Polonia, 2004

MIGLIOR ATTORE
Luca Zingaretti, Italia, per il film Alla luce del sole, Italia 2005, e Uri Gavriel, Israele, per il film Eize makom nifla (“What a wonderful place”), Israele 2005

MIGLIOR ATTRICE
Krystyna Feldman, Polonia, per il film Moj Nikifor, Polonia, 2004

PREMIO “EAST OF THE WEST”
Miglior film
Ragin, Russia, Austria, 2004, regista Kiril Serebrennikov

Menzione speciale
Wesele (“The wedding”), Polonia, 2004, regista Wojtek Smarzowski

PREMIO DEL PUBBLICO ‘PRAVO’
La vie avec mon père (“Life with my father”), Canada, 2005, regista Sebastien Rose

PREMIO FIPRESCI
Kinamand, Danimarca, Cina, 2004, regista Henrik Ruben Genz

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy