email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

2. Un incubo necessario

di 

L’aumento delle coproduzioni europee in Francia sembra una questione facile. Ma per i produttori è in realtà molto più complessa. L’aumento dei partner stranieri e delle fonti di finanziamento è infatti un vero rompicapo. Una situazione sottolineata da tre produttori francesi riunitisi all’inizio di luglio in occasione di una tavola rotonda organizzata dal festival “Paris Cinéma: ”: Jacques Bidou (JBA Production) che ha realizzato più di 100 film attraverso delle coproduzioni internazionali tra cui le recenti Des plumes dans la tête del belga Thomas de Thier e Les mains vides dello spagnolo Marc Recha; Patrick Sobelman (Agat Films & Ex Nihilo) produttore della trilogia del belga Lucas Belvaux e dei due lungometraggi della regista franco-islandese Solveig Anspach; e Joël Farges (Artcam International), specialista delle coproduzioni internazionali con i paesi dell’Est come la Repubblica Ceca, il Tajikistan e il Kazahkistan.
Primo problema: la diffusione. Secondo Patrick Sobelman i canali televisivi francesi trasmettono sempre meno film europei: “Per i film realizzati in altre lingue che non siano il francese, esiste solamente Canal + come possibilità di acquisto, sebbene non sia sufficiente se vengono acquistati film di autori come Moretti o Almodovar o Frears”. Al contrario, nel Regno Unito Channel 4 sembra essere l’unico canale televisivo ad acquistare delle opere prime non in lingua inglese. Una tendenza che secondo Joël Farges danneggia anche l’esercizio, il quale sottolinea che “a Praga, a parte qualche film francese e tedesco, non si possono vedere film europei”.
Secondo problema: la complessità dei programmi di finanziamento per le piccole società di produzione indipendenti. Secondo Jacques Bidou, una coproduzione che riunisce quattro paesi può generare 24 fonti di finanziamento differenti. E se “l’ armonizzazione degli accordi di coproduzione europea è sulla buona strada, resta il fatto che ogni paese ha la propria legislazione e cerca di proteggere la propria industria cinematografica e tecnica. Bisognerebbe andare oltre e rendere più equilibrato il funzionamento dei sistemi nazionali di sostegno alla produzione, ma anche il sistema dei diritti d’autore”. Questioni intricate, poiché ogni paese difende i propri interessi e collega il proprio sistema di sostegno alle spese da effettuare sul territorio nazionale. Il sistema di sostegno del CNC francese (75 centesimi a biglietto destinato al produttore da investire nel prossimo film) ad esempio, è basato su un sistema di punti che diminuisce all’aumentare del coinvolgimento dei produttori stranieri.
D’accordo nel considerare attualmente la coproduzione europea come una necessità vitale, i tre produttori francesi hanno sottolineato tempi di montaggio troppo lunghi e differenze a volte problematiche sulle le competenze e le esperienze dei partner.
Conoscere la motivazione dei coproduttori è un dato essenziale, considerando le numerose società che si impegnano in ritardo e finiscono per non partecipare realmente allo sviluppo del film. Così un produttore che ha dedicato denaro ed energia ad un progetto, rischia di vedersi sfuggire quasi intermente i diritti del film, limitandosi a dover proteggere gli incassi nel proprio mercato nazionale.
Secondo Patrick Sobelman, è diventato imperativo creare una rete per coproduzioni più agevoli con associati solidi e collaborativi. Alleanze che si costituiscono con il tempo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie
(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy