email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

MERCATO Francia

Cresce l'export nel 2004

di 

Diciotto società francesi di vendite internazionali hanno accumulato l'anno scorso 223,3 milioni di euro per l'esportazione, un risultato in crescita del 20,4% rispetto al 2003 secondo uno studio del Centre National de la Cinématographie (CNC) realizzato in collaborazione con Unifrance, ADEF (associazione degli esportatori francesi) e IFCIC (Istituto per il finanziamento del cinema e delle industrie culturali). Questa somma che comprende la vendita dei diritti cinematografici, TV e video riguarda essenzialmente il recupero dei minimi garantiti pagati dai distributori stranieri. In totale, gli incassi 2004 sono suddivisi in 141,2 milioni di euro di incassi di film francesi all'estero (+14,2%) e 82,1 milioni (+32,7%) per i film stranieri nei listini di società francesi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Quanto alle vendite di film francesi, il mercato principale dell'esportazione è senza dubbio l'Europa occidentale con 79 M€ (55,9% di guadagni), davanti all'Asia (21,7 M€), il Nord America (17,2 M€) e l'Europa dell'est (13,8 M€, in progresso del 50,3% rispetto al 2003). La Germania è il primo cliente con 22,2 M€ (15,7%) davanti a Italia (17,7 M€) e Giappone. Ma la Spagna è cresciuta fino a 11,8 M€, soprattutto grazie a film commerciali con prezzi di acquisto molto bassi. Riguardo gli altri mercati europei, da segnalare il miglioramento dell'85,8% degli incassi da Regno Unito e Irlanda (6,6 M€), dei territori ostici in ragione del dominio del cinema di lingua anglosassone. In progresso anche Belgio (5,2 M€) e Olanda (3,8 M€), mentre la Scandinavia (3,8 M€) resta un territorio difficile. Da ricordare gli incassi greci (2,8 M€) e ungheresi (2 M€), senza scordare la crescita della Polonia (1,9 M€), paese in cui si registrano pochi preacquisti e in larga parte di film commericiali.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy