email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2006 Forum

Cinque produzioni francesi in corsa

di 

Tra i 40 film in programma nella sezione Forum della 56/a edizione del Festival di Berlino, la produzione francese conta cinque film e quattro produzioni minoritarie. In cima alla lista figura De Particulier à Particulier [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(Hotel Harabati) di Brice Cauvin con Hélène Fillières, Laurent Lucas, Anouk Aimée e Julie Gayet. Prodotto da Mille et une productions, preacquistato da TPS e venduto da Films Distribution, questa opera prima racconta la storia di Marion e Philippe, una normale coppia parigina in attesa del terzo figlio e di un viaggio a Venezia. Ma questo viaggio non sarà fatto per uno strano motivo che sconvolgerà la loro vita. Distribuito da Pierre Grise, De Particulier à Particulier uscirà il 19 aprile nelle sale francesi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Altra opera prima selezionata al Forum: Barakat! [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Djamila Sahraoui, una produzione Les Films d'Ici con 300 000 euro di sostegno da Arte France Cinéma per un budget totale di 1,8 milioni. Interpretato da Rachida Brakni (Shooting Star 2002), su una sceneggiatura di Djamila Sahraoui e Cécile Vargaftig, il film segue le peregrinazioni di Amel, un giovane medico alla ricerca di suo marito, un giornalista scomparso in Algeria negli anni '90. Accompagnata da Khadidja, una vecchia partigiana, parte per una ricerca che la porterà a scontrarsi con la GIA e i militari.

Anche tre documentari made in France sono al Forum 2006. Au-delà de la haine [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
(Oltre l'odio) di Olivier Meyrou, prodotto da Hold Up Films e Miss Luna Films, coprodotto da France 5 e France 2, e venduto da Films Distribution, ritorna sulla morte di François Chenu, 29 anni, un omosessuale ucciso il 13 settembre 2002 da tre skinhead. Nicolas Rey conduce invece con Schuss! un'inchiesta sulla storia della montagna, dall'industria dell'alluminio agli sport invernali. La regista belga Chantal Akerman con la produzione franco-belga Là-bas (Laggiù) firma una sorta di diario filmato da Tel Aviv. Da segnalare infine quattro produzioni minoritarie francesi in programma al forum: Congo River [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del belga Thierry Michel, Tertium non datur del rumeno Lucian Pintilie, News from Home [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Amos Gitai e L'Appel des arènes (Wrestling Grounds) del senegalese Cheikh Ndiaye.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy