email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

EVENTI Svizzera

Incontri italo-elvetici a Stresa

di 

Dal 23 al 25 giugno, la prima edizione degli "Incontri cinematografici italo-svizzeri" riunsce registi elvetici e italiani sulle rive del Lago Maggiore a Stresa. Questa manifestazione organizzata da Modulo Lem – che ha i Festival di Venezia e Torino tra i collaboratori – intende incoraggiare il dialogo tra i professionisti del cinema e dell’audiovisivo dei due paesi, che hanno siglato un accordo di coproduzione nel 1993.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

In programma anche varie tavole rotonde organizzate in collaborazione col Media Desk di Torino. Le produttrici della Svizzera italiana Tiziana Soudani (Amka Films, Savosa-Lugano – Producer on the Move 2000) e Elda Guidinetti (Ventura Films, Meride) prenderanno parte al dibatitto sulla regia e la produzione con i registi Davide Ferrario, Louis Nero e Lorenzo Bianchini. Il forum sullo sviluppo delle sceneggiature e le scuole di cinema accoglie Cecilia Liveriero Lavelli (CISA, Lugano) e Lucie Bader Egloff (Hochschule für Gestaltung und Kunst, Zurigo), mentre il produttore televisivo della Televisione svizzera italiana (TSI) Federico Jolli e il buyer di RAI Uno Fabrizio Liberti animeranno un dibattito sulla diffusione delle opere.

Si vedranno anche i film Hans di Louis Nero, Film sporco e I dincj de lune di Lorenzo Bianchini, Onde di Francesco Fei, oltre che una selezione elvetica: Absolut di Romed Wyder, Im Nordwind di Bettina Oberli, Strähl di Manuel Flurin Hendry et Die Vogelpredigt di Clemens Klopfenstein. Il grande successo svizzero Je m’appelle Eugen [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, in prima italiana e il classico di Jean Choux La vocation d’André Carrel avranno l’onore di essere proiettati all’aperto.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.