email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Francia

Nouvelle vague tedesca a Parigi

di 

Si apre domani a Parigi l’11esima edizione del festival del cinema tedesco organizzato all’Arlequin da German Films con la collaborazione dell’Istituto Goethe della capitale francese. Fino al 17 ottobre, il meglio della produzione tedesca recente comporrà il programma "Cinema di oggi" con 14 lungometraggi (di cui due documentari e un telefilm) già distintisi nei festival internazionali e in cerca di un distributore in Francia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

La manifestazione si inaugurerà con Emma’s bliss [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Sven Taddicken, in concorso a San Sebastian 2006 e che sarà proiettato alla Festa del Cinema di Roma nell’ambito dei German Days, e si chiuderà con Ich bin die andere [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(lett. "io sono l’altra") di Margarethe von Trotta, selezionato a Toronto e venduto all’estero da StudioCanal. Operatori del settore e cinefili parigini potranno scoprire una delle rivelazioni dell’ultima Quinzaine dei registi a Cannes, Summer 04 [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Stefan Krohmer, ma anche Happy as one di Vanessa Jopp la cui carriera festivaliera è proseguita anche dopo Berlino, a Karlovy Vary, a Montreal e a Copenhagen, dove Heidrun Bartholomäus ha conquistato il premio come migliore attrice.

In programma anche Running on empty di Bülent Akinci (selezionato a Berlino, Karlovy Vary, Copenhagen, Rio, Montreal, Varsavia, Salonicco, premio per il migliore attore a Mosca) e Valerie di Birgit Möller che racconta la caduta di una mannequin nel mondo della moda, senza dimenticare il sulfureo The free will-Libero di scegliere di Matthias Glasner che è valso a Jürgen Vogel un Orso d’argento per il contributo artistico (produzione, sceneggiatura, interpretazione) alla Berlinale 2006 e il titolo di migliore attore a Tribeca. E ancora, opere prime al femminile con Princess di Birgit Grosskopf centrato sulle gang di ragazze delle cités e Leben mit Hannah di Erica von Moeller. Infine, Under the sun di Baran bo Odar e Dresda di Roland Suso Richter completano un programma rafforzato da un telefilm (La Donna alla fine della strada di Claudia Garde), due documentari (Horst Buchholz... mio padre di Christopher Buchholz e Sandra Hacker, e Tempi senza genitori di Celia Rothmund), un panorama di cortometraggi e una selezione di film di scuola intitolata Next Generation 2006.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy