email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2007 Concorso

Sei film e una pioggia di stelle

di 

Sono stati annunciati sei dei venti titoli selezionati in concorso per il 57esimo Festival di Berlino (8-18 febbraio). Presentati in anteprima mondiale, i sei candidati sono per la metà europei: Yella, Irina Palm [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sam Garbarski
intervista: Sébastien Delloye
scheda film
]
e Goodbye Bafana [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
. Gli altri concorrenti sono il film coreano I Am A Cyborg But That’s Ok di Park Chan-wook, già in lizza a Berlino sei anni fa con Joint Security Area, e due lungometraggi americani: The Good Shepherd, opera seconda di Robert de Niro con Matt Damon, Angelina Jolie e il regista-attore, tutti e tre attesi a Berlino, e The Good German di Steven Soderbergh, girato a Berlino con Cate Blanchett e George Clooney, che vi tornerà per presentare il film.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Yella è il secondo lungometraggio che il tedesco Christian Petzold presenta alla Berlinale (dopo Ghosts (Gespenster), selezionato nel 2005). Questa produzione di Schramm Film Koerner & Weber con ZDF e ARTE, interpretata da Nina Hoss, è la storia di un giovane brandeburghese che va a lavorare in Germania Ovest per sfuggire al suo infelice matrimonio, ma non riesce a liberarsi del passato.

La Germania è rappresentata anche da una coproduzione maggioritaria belga: Irina Palm di Sam Garbarski, secondo lungometraggio (dopo The Rashevski Tango) prodotto dalla società belga Entre Chien et Loup con Pallas Films (Germania), Samsa Film (Lussemburgo) e Ipso Facto Films (Regno Unito), e sostenuto da Eurimages e MEDIA. La protagonista, la celebre Marianne Faithfull la cui presenza è attesa al festival, interpreta il personaggio di una vedova cinquantenne che vende i suoi favori in un club privato.

Il terzo titolo europeo selezionato è anch’esso una produzione belga. Goodbye Bafana del danese vincitore di due Oscar Bille August, racconta la storia vera di James Gregory (interpretato da Joseph Fiennes), guardia carceraria di Nelson Mandela per vent’anni. Il film è prodotto da Banana Films (Belgio), in coproduzione con Film Afrika Worldwide CC, Future Films Ltd (Irlanda), Thema Production (Lussemburgo) e la società tedesca X-Filme Creative Pool.

Dieter Kosslick, direttore del festival, ha espresso la sua soddisfazione nell’aver riunito nuove stelle, talenti affermati e giovani registi. In un comunicato pubblicato ieri, ha definito il filo rosso della corsa all’Orso 2007: "La maggior parte delle produzioni scelte legano processi storici contemporanei a storie personali, intime e piene di emozioni".

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy