email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Belgio

A Mons, amore, cavalli e corpi fanno girare la testa

di 

La 23ma edizione del Festival Internazionale del Cinema d'Amore di Mons (9-16 febbraio) è in pieno fervore, con la presentazione di 77 lungometraggi e 42 corti provenienti da 28 paesi diversi. L'Europa è ben rappresentata, in particolare nel concorso internazionale, il quale offre una buona selezione: i titoli francesi Lady Chatterley [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Pascale Ferran (leggi la news), presentato allo stesso tempo a Berlino, e Pardonnez-moi [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Maïwenn, l'italiano Arrivederci amore ciao [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Michele Soavi, la coproduzione tedesco-svizzera Fräulein [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Andréa Staka e quella tedesca Emma's Bliss [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Sven Taddicken, lo spagnolo AzulOscuroCasiNegro [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
(leggi l'intervista al regista) e il primo film dell'attrice Julie Delpy, Two Daysin Paris [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Christophe Mazodier
intervista: Julie Delpy
scheda film
]
(leggi la news), anch'esso al Panorama berlinese.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il Festival presenta anche un Panorama del cinema italiano che comprende recenti coproduzioni senza distributori in Belgio, come La Guerra di Mario di Antonio Capuano o La bestia nel cuore [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Cristina Commencini, omaggi al sulfureo regista Tinto Brass e al francese George Lautner, un Focus sulla Turchia, altre due sezioni "Lumières d'ailleurs" e "Regards Croisés", dove sono presentati altri film senza distributori (La vraie vie est ailleurs dello svizzero Frédéric Choffat, Il a suffit que maman s'en aille… [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del francese René Ferret), e infine qualche anteprima tra cui due film belgi, J'aurais voulu être un danseur di Alain Berliner e Voleurs de chevaux [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Micha Wald.

Proiettato alla presenza dell'intero cast, che lo visto anch'esso per la prima volta, questo film, opera prima brillante e lirica (leggi la news), è ambientato in un'Ucraina più o meno immaginaria dell'inizio del XIX secolo e costruisce un intrigo tra due coppie di fratelli legati da un rapporto molto intenso e complesso. Diviso in tre parti, le prime due magnificamente eteree, Voleur de Chevaux s'incammina, grazie alla bella e cupa interpretazione dei due attori principali, Adrien Jolivet e Grégoire Colin, verso un duello finale che lascia a bocca aperta.

Nell'ambito della presentazione di questo primo lungometraggio prodotto da Versus e sostenuto dalla Comunità francese del Belgio, i Premi Coqs, che celebrano le personalità di rilievo del mondo del cinema, sono stati assegnati ieri sera da una giuria presieduta dal Delegato Generale del Festival, André Ceuterick. Il premio della Critica è stato attribuito al giornalista Nicolas Crousse del quotidiano Le Soir, mentre quello della Distribuzione è andato a Nathalie Meyer di La Big Family, una struttura giovane e molto dinamica che lavora alla promozione e la diffusione dei cortometraggi belgi all'estero. Il premio dell'Esercizio, infine, lo ha conquistato Géraldine Cambron, per il suo lavoro di programmazione di qualità in una sala cinematografica di campagna, L’Ecran.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.