email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINALE 2007 Panorama

Il destino di un rinnegato

di 

Il destino di un rinnegato

Dopo la proiezione del documentario tedesco The Red Elvis [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
nella sezione Panorama della Berlinale, il regista Leopold Grün e la sua troupe, rose in mano, hanno ricevuto i lunghi applausi di una sala piena di spettatori, sedotti dalla bizzarra leggenda del carismatico cantante Dean Reed, americano d'origine ma tedesco d'adozione.

Il documentario si propone innanzitutto, come suggerisce il titolo, di approfondire le ragioni che hanno fatto di questo cantante/attore senza successo nel suo paese un mito dall'altra parte della Cortina di Ferro. Le sue scelte forti - da quella di andare in Cile per sostenere Allende, a quella di prendere la residenza in Germania dell'est, adulato sulla Piazza Rossa di Mosca e combattente per la Palestina - avrà lasciato perplesso più di un occidentale. Ma dalla prospettiva comunista, che un americano si rivoltasse contro il proprio paese fino a bruciarne la bandiera era un fatto notevole. Ed è così che l'uomo Reed è diventato un mito.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il mito, poi, ridiventa a sua volta uomo. Si capisce poco a poco che il suo sedicente anti-americanismo altro non era che l'espressione di un sogno di libertà che anche gli Stati Uniti facevano proprio; si vede che il suo inarrestabile viaggiare a Ovest, poi sempre più a Sud e poi ancora a Est, era una declinazione della "frontiera" americana. Il valore di questo documentario è che non si lascia abbagliare dal vigore del giovane ribelle, ma ne esprime, in un secondo tempo, un'immagine più tenera, di un uomo impacciato con le donne e stravolto dal successo, e di un cantante démodé che non evolve in un mondo socialista in piena trasformazione.

Questa rappresentazione del crepuscolo di un idolo non ha tuttavia impedito alla sala di ridere. Le dissonanze tra le diverse testimonianze (e il modo in cui testimoni sono ripresi) non mancano di ironia. E' che il film, ripercorrendo la storia della RDT e del sogno socialista che rappresentava, rimanda allo spettatore immagini e visi ai quali, dopo più di vent'anni, si ripensa non senza stupore.

The Red Elvis, prodotto da Thomas Janze per Totho cmp, che si occupa anche delle vendite internazionali, sarà distribuito i Germania da Neue Visionen.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy