email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Belgio

Le creature europee dominano Anima

di 

Anima, festival internazionale del cinema d'animazione (16-25 febbraio), si apre stasera a Bruxelles sotto il segno dell'Europa con The Ugly Duckling and me [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Michael Hegner e Karsten Kiilerich, liberamente tratto dal racconto di Andersen. Il film è una coproduzione tra la Danimarca (A.Film A/S), la Francia (Futurikon) e l'Irlanda (Magma Films ).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

E al fianco degli immancabili giapponesi (Paprika di Satoshi Kon, XXXHolic di Tsutomo Mizushima e Full Metal Alchemist The Movie di Hiromu Arakawa), l'animazione europea è ben rappresentata, con alcuni lavori già visti a Cannes, come il danese Princess [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Anders Morgenthaler (leggi il resoconto) e Free Jimmy [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Christopher Nielsen (leggi la news); il primo lungometraggio dell'illustratore Dave McKean, Mirror Mask [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, produzione britannica già presentata a Locarno (leggi la news); U [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dei francesi Serge Elissalde e Grégoire Solotareff (leggi la news) e Les Trois mousquetaires del lettone Janis Cimmermanis.

La programmazione si arricchisce di due omaggi per celebrare da una parte il centenario della nascita del padre di Tintin, Hergé, e dall'altra il pioniere dell'animazione, il canadese Norman McLaren, con circa 10 ore di proiezioni. E poi ancora un concorso di cortometraggi belgi; la presentazione dei film di La Boîte Productions, la società del belga Arnaud Demuynck che festeggia i dieci anni; una retrospettiva delle opere dell'inglese Joanna Quinn, dello svedese Jonas Oell, maestro del clip d'avanguardia con la sua casa di produzione Filmtecknarna, e dell'estone Priit Pärn di Studio Tallinfil. Infine, "Futuranima" (dal 22 al 24 febbraio), una tre giorni dedicata ai professionisti dell'animazione, che discuteranno dei nuovi mezzi di diffusione, delle trattative con i produttori, del passaggio dall'illustrazione all'animazione e delle nuove tecnologie dell'animazione, con la presentazione di un lungometraggio realizzato interamente in 3D, Fly Me to the Moon, progetto in fase di produzione dello studio nWave di Bruxelles.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy