email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Europa

New York accoglie il giovane cinema europeo d'autore

di 

L'Europa sarà rappresentata in modo massiccio alla 36ma edizione del New Directors/New Films (21 marzo-1 aprile), la prestigiosa vetrina organizzata dalla Film Society of Lincoln Center in collaborazione con il MOMA, il Museo d'arte moderna di New York, che si apre stasera e come ogni anno presenta le nuove tendenze del cinema d'autore.

Tanti i film in lingua francese: Comme des voleurs [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dello svizzero Lionel Baier, Congorama [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Philippe Falardeau, coproduzione tra il Québec e il Belgio con Olivier Gourmet (leggi l'intervista), due film francesi 7 ans [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Jean-Pascal Hattu e Cowboy Angels di Kim Massee. A questi si aggiunge, dal Belgio fiammingo, Vidange perdue [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, secondo lungometraggio di Geoffrey Enthoven. Sul fronte scandinavo, troviamo Reprise [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Joachim Trier
intervista: Karin Julsrud
scheda film
]
del norvegese Joachim Trier e il danese Peter Schonau Fog con The Art of Crying [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
. L'Europa del sud è rappresentata dall'Italia con L' aria salata [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Alessandro Angelini
scheda film
]
di Alessandro Angelini e Riparo [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Marco Simon Puccioni. Altri tre film vengono dal Regno Unito: Once [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dell'irlandese John Carney, Red Road [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
della britannica Andrea Arnold e la coproduzione con l'Argentina Glue di Alexis Dos Santos. Da notare che anche gli altri due film argentini presentati a New York sono delle coproduzioni: El Custodio [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Rodrigo Moreno (Pandora Filmproduktion in Germania e Charivari in Francia) e Meanwhile di Diego Lerman (con la francese Pyramide, che detiene anche i diritti internazionali). Il polacco What the Sun Has Seen [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Michal Rosa e la coproduzione franco-tedesca con l'Algeria, Rome Rather Than You di Tariq Teguia, completano questa vetrina di giovani (e meno giovani) autori sostenuti in modo maggioritario dal Vecchio Continente.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Anche il film d'apertura, The Inner Life of Martin Frost, quarto lungometraggio dello scrittore americano Paul Auster, è una coproduzione europea con il produttore portoghese Paulo Branco (leggi la news), che conta nel cast alcuni nomi importanti del cinema europeo: l'inglese David Thewlis e la francese Irène Jacob, il belga Christophe Beaucarne alla fotografia, il francese Laurent Petitgand alla musica e la portoghese Zézé Branco alla scenografia. Un'altra coproduzione europea anche tra i sei film americani presentati in questa edizione: il sorprendente Day Night Day Night [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Julia Loktev, coproduzione franco-tedesca (ARTE) il cui direttore della fotografia è belga, Benoît Debie (leggi l'intervista), vincitore del prestigioso 2007 Cinematography Awards al Sundance quest'anno per Joshua di George Ratliff.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy