email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2007 Un Certain Regard / Francia

Actresses: Quando l'arte imita la vita

di 

Actresses: Quando l'arte imita la vita

Valeria Bruni-Tedeschi è entrata ufficialmente nella particolare categoria delle attrici che, sul grande schermo, interpretano attrici. A differenza di molte altre prima di lei (Betty Davis, Gena Rowlands, Marisa Paredes…) sceglie di farlo in un progetto molto personale che ha diretto, dal titolo – non sorprendente – Actresses [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
. Il film ha avuto la sua anteprima mondiale ieri, nella sezione di Cannes Un Certain Regard.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Come nel suo debutto alla regia E' più facile per un cammello … [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, l'attrice italo-francese divenuta filmmaker ha deciso di flirtare con la realtà incorporando numerosi aspetti della sua vita ad una pellicola che narra la storia di un'attrice 40enne, single e senza figli, che non riesce a dare vita a Natalia Petrovna, protagonista della piece Un mese in campagna di Turgenev.

Bruni-Tedeschi torna nel ruolo già interpretato sul palcoscenico, prima di essere rimpiazzata – come nel film – dall'assistente del regista. "Per [la co-sceneggiatrice] Noémie Lvovsky, come per me, era ovvio che questa potesse essere un'interessante base drammatica per uno script – qualcuno che prende il posto di qualcun altro".

Lo script segue la difficile prova rivelando nello stesso tempo gli aspetti quotidiani della sua protagonista: il suo desiderio di diventare madre, le sue allucinazioni e i suoi sogni, la madre (interpretata dalla vera madre della regista), più felice alla sua età di quanto la figlia non sia mai stata, e della sua attrazione per il giovane attore che interpreta l'interesse amoroso della Petrovna sul palcoscenico. La vita imita il teatro e il cinema imita la vita.

L'esplorazione di alcune ossessioni già presenti nel suo film di esordio sembra servire alla Bruni-Tedeschi ad evitare il Prozac, proprio come il suo personaggio, che decide di raccontare i suoi sogni al ginecologo piuttosto che allo psicologo. La sua macchina da presa è probabilmente il lettino dell'analista, ed il risultato di questa possibile terapia è una divertente parata di eventi tragicomici, presentati con raffinata ironia.

Actresses è stato prodotto da Fidélité Films e le vendite internazionali sono affidate alla parigina Wild Bunch, che distribuirà anche in film in Francia.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy