email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PRODUZIONE Francia

Karin Viard e Stefano Accorsi in Baby Blues

di 

Karin Viard e Stefano Accorsi in Baby Blues

Dopo essersi fatta notare all'ultimo festival di Cannes con Et toi, t'es sur qui? [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Lola Doillon (leggi l'articolo), la produttrice Saga Blanchard prepara per il prossimo autunno le riprese di Baby Blues, terzo lungometraggio di Diane Bertrand dopo Un samedi sur la terre nel 1996 e L'annulaire nel 2005. Nel cast figurano la francese Karin Viard (César per la migliore attrice nel 1999 e migliore attrice non protagonista nel 2003, vista di recente in Les ambitieux [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Catherine Corsini e in La tête de maman di Carine Tardieu) e la star italiana Stefano Accorsi, che continua le sue incursioni nel cinema d'oltralpe dopo Un baiser s'il vous plaît di Emmanuel Mouret (news) e La jeune fille et les loups di Gilles Legrand (articolo).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La sceneggiatura di Baby Blues, co-firmata da Diane Bertrand e Bruno Japy, tratta nei modi della commedia sentimentale il tema della vita professionale e la famiglia. Donna in carriera e compagna di Fabrizio (Stefano Accorsi), con il quale forma una coppia solida, Alex (Karin Viard) si vede proporre un posto a New York. Se accetta, la prospettiva di avere un bambino si allontanerà definitivamente per loro, che d'altronde non hanno mai desiderato averne. Tuttavia si pongono delle domande e Fabrizio decide di consultare uno psicologo, che si rivelerà lo stesso della sua compagna.

Prodotto per Move Movie da Saga Blanchard e Bruno Levy, anche produttori presso Ce Qui Me Meut (società di Cédric Klapisch), Baby Blues beneficerà di un budget di oltre 5 milioni di euro. Già pre-acquistato da Canal + e France 2 Cinéma, che ha partecipato anche alla produzione, il film entrerà in lavorazione per otto settimane dai primi di ottobre 2007, l'uscita è programmata per giugno 2008. Una coproduzione italiana al 10 % è al momento in discussione, così come la distribuzione in Francia e le vendite internazionali.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.