email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Polonia

Katyń di Wajda in apertura a Gdynia

di 

Inizia oggi la 32esima edizione del Festival del Cinema Polacco di Gdynia, un'immersione di una settimana nel cinema nazionale in cui 22 film, tra cui 15 inediti, si contenderanno il Leone d’Oro. Ad aprire le danze il nuovo film di Andrzej Wajda, Katyń [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Andrzej Wajda
intervista: Michal Kwiecinski
scheda film
]
, proiettato fuori concorso.

Tra i film in competizione, l’asse principale del festival, troviamo le opere dei grandi nomi del cinema polacco (Robert Gliński, Dorota Kędzierzawska, Jacek Bromski, Andrzej Barański, Jerzy Stuhr) accanto a quelle di giovani registi in cerca di riconoscenza: Stanislaw Mucha, Piotr Szczepański, Tomasz Drozdowicz. Il film più atteso è senza dubbio Hania (leggere la news), il secondo lungometraggio del famoso direttore della fotografia vincitore di due premi Oscar Janusz Kamiński. Il film è stato terminato da poco ed è entrato nella competizione all’ultimo minuto. La giuria, presieduta quest’anno da Janusz Majewski (C.K. Dezerterzy, Po sezonie), rimetterà a Jerzy Kawalerowicz (Austeria, Quo Vadis) il Leone di Platino, un premio speciale per onorare l’insieme della sua opera.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Come sempre, accanto alla competizione ufficiale, il festival di Gdynia offre al pubblico una vasta panoramica sul cinema indipendente (21 titoli), ma la novità dell’anno è la sezione dedicata ai lavori di fine studi dei diplomati delle scuole di cinema.

E le festività non si fermano qui. Il ciclo "Polonica" presenta una serie di film realizzati in cooperazione con la Polonia, come Nightwatching [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Peter Greenaway, It’s a Free World... [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Ken Loach, Outlanders [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Dominic Lees, Inland Empire [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di David Lynch, o Looking For Palladin di Andrzej Krakowski.
L’annuale omaggio alle cinematografie dei paesi vicini vedrà questa volta protagonista la Russia, a cui verrà dedicata una giornata.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy