email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Italia

La Torino di Nanni

di 

La Torino di Nanni

Il primo obiettivo, catalizzare l’attenzione mediatica, sembra raggiunto: a giudicare dalla conferenza stampa, insolitamente affollata, la scommessa di affidare la guida del 25esimo Torino Film Festival (23 novembre - 1 dicembre) a Nanni Moretti può dirsi vinta.

L’attenzione è tutta per lui: regista, attore, produttore, esercente e distributore, l’autore di Caro diario ricopre per la prima volta la direzione di un appuntamento cinematografico tra i più importanti d’Italia, e dimostra da subito l’intenzione di proseguire nel segno della continuità con il passato torinese: “sono un appassionato del festival, è una manifestazione radicata nella città, e vorrei che qui chi fa il cinema si sentisse a casa. È anche uno spazio importante per il cortometraggio e il documentario, due modi di fare cinema che m’interessano, e che avranno due spazi dedicati, Italiana.doc e Italiana.corti: anche se il centro del programma sarà il concorso”.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

La sezione competitiva, riservata a esordienti e opere seconde e terze, conta 15 titoli. Sei gli europei in gara, dai francesi Lino di Jean-Louis Malesi e Naissance des pieuvres [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Cèline Sciamma al lettone Volgelfrei (diretto a quattro mani da Janis Kalejs, Janis Putnins, Gatis Smits e Anna Viduleja), e ancora: l’irlandese Garage [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ed Guiney
intervista: Jean-François Deveau
intervista: Lenny Abrahamson
scheda film
]
di Lenny Abrahamson, il tedesco Neandertal di Jan Christoph Glaser e Ingo Haeb, e la black comedy norvegese The Art of Negative Thinking [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Bard Breien.

L’Italia è protagonista di una seziona ad hoc, Panorama Italiano, che presenterà Vogliamo anche le rose [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Alina Marazzi (molto applaudito a Locarno), e quattro anteprime mondiali: l’esordio nel lungometraggio dell’attore Fabrizio Bentivoglio (Lascia perdere, Johnny!), il nuovo film di Peter Del Monte (Nelle tue mani), e due film legati alla tradizione industriale del capoluogo piemontese, In fabbrica di Francesca Comencini (documentario di montaggio sulla classe operaia) e Signorina Effe di Wilma Labate, storia di un amore impossibile sullo sfondo delle lotte sindacali alla Fiat.

Tre le sezioni collaterali ricche di titoli europei: Anteprime, dove alcune distribuzioni italiane offriranno la prémiere di alcune punte di diamante dei loro listini, da Irina Palm [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sam Garbarski
intervista: Sébastien Delloye
scheda film
]
di Sam Garbarski (in concorso a Berlino, in sala a dicembre per Teodora), all’irlandese Once [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di John Carney (distribuito da Eagle Pictures); La zona, sezione dedicata al cinema di ricerca, che proporrà le ultime opere di due autori ungheresi molto amati dalla critica internazionale, The Man from London [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Béla Tarr e Milky Way di Benedek Fliegauf; e Fuori concorso, dove arriveranno Farkas del magiaro Tamás Tóth, l’inglese Brick Lane [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Sarah Gavron, e – direttamente da Cannes – l’opera seconda di Valeria Bruni Tedeschi (Actrices [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
) e la coproduzione franco-russa Aleksandra [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Aleksandr Sokurov.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy