email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

MERCATO Francia

Buon passaparola per Dorothy Mills

di 

Buon passaparola per Dorothy Mills

Venduta all'estero da Wild Bunch, la coproduzione franco-irlandese Dorothy Mills [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Agnès Merlet (news) si preannuncia come uno dei successi del 2008. Un passaparola molto favorevole è partito dal trailer presentato all'ultimo American Film Market, dove il film è stato acquistato per parecchi territori: Stati Uniti, Australia, Cina e Hong Kong da The Weinstein Company, Germania (Telepool), Regno Unito (Optimum), Grecia (Spentzos), Portogallo (Lusomundo), Polonia (Kino Swiat), Repubblica Ceca (Bowline), Svizzera (Frenetic), Canada (Seville), Medio Oriente e America Latina.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Terzo lungometraggio della regista di Le fils du requin (migliore opera prima nel 1994 agli European Film Awards, nominato ai Bafta e ai César) e Artemisia (nominato nel 1998 per il Golden Globe nella categoria miglior film straniero), Dorothy Mills (coproduzione tra Fidélité Films e Octagon Films sostenuta da Eurimages) è stato girato in lingua inglese e ha come protagonista l'olandese Carice van Houten (The Black Book [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
). L'attrice è in piena ascesa: interpreta la moglie di Tom Cruise in Valkyrie di Bryan Singer (in post-produzione) e figura tra i protagonisti di Body of Lies di Ridley Scott (in lavorazione) insieme a Leonardo Di Caprio e Russell Crowe.

Interrogato da Cineuropa sulle intenzioni di Wild Bunch riguardo il prossimo festival di Berlino (dal 7 al 17 febbraio 2008) dopo le tensioni dell'anno scorso (leggi l’articolo), Vincent Maraval, responsabile delle vendite internazionali della dinamica società francese, ha precisato che lo stand WB sarà nuovamente situato al di fuori del mercato, nello stesso posto del 2007. Quanto ai rapporti con i selezionatori berlinesi, c'è aria di disgelo: "Non c'è nulla di definito, ma neanche problemi. Proporremo dei film e vedremo come verranno accolti. A seconda delle discussioni, ne proporremo altri oppure no. Ma la porta è aperta".

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy