email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FREQUENTAZIONI Polonia

2007: entrate in aumento e successo dei film nazionali

di 

Ottima la frequentazione delle sale polacche nel 2007 con 32,6 milioni di spettatori, un risultato in lieve aumento rispetto ai 32 milioni di entrate dell'anno precedente e a un passo dal record degli ultimi 20 anni (33,4 milioni nel 2004).

La Top 10 annuale conferma la tendenza 2006 con un lungometraggio d'animazione in testa, Shrek 3 di Chris Miller (3,35 milioni di entrate), che succede a L’era glaciale 2. Ma questa pole-position è ancor più degna di nota se si considera che la soglia dei tre milioni di spettatori non veniva superata dal 2004 (3,5 milioni per The Passion di Mel Gibson).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il dato più importante del box-office polacco 2007 resta tuttavia la posizione dominante del cinema nazionale con cinque film polacchi tra i primi dieci (di cui tre nella Top 5). Un successo spettacolare reso possibile soprattutto dai film leggeri, ad eccezione di Katyn [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Andrzej Wajda
intervista: Michal Kwiecinski
scheda film
]
di Andrzej Wajda, la cui buona riuscita (2,7 milioni di spettatori) è dovuta, al di là dei meriti artistici, a ragioni per lo più politiche.

Il pubblico polacco, che va al cinema soprattutto per distrarsi, è stato sedotto nel 2007 da Testosteron del duo Tomasz Konecki - Andrzej Saramonowicz (1,4 milioni di ingressi), Dlaczego nie! [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(lett. "Perché no!") di Ryszard Zatorski (1,1 milioni), State Witness [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Jaroslaw Sypniewski e Jacek Filipiak (960 000), e Rys di Stanislaw Tym (809 000 spettatori). Da notare anche il 20mo posto al box-office 2007 di un altro lungometraggio polacco: U Pana Boga w ogródku (lett. "Nel giardino del Signore") di Jacek Bromski (300 000 entrate).

Niente cambia per il cinema d'autore, che resta campo riservato a un gruppo limitato di spettatori. Il divario tra i grandi successi commerciali e le opere artistiche è immenso: il pubblico dei primi si conta a milioni, mentre i secondi attirano solo qualche decina di migliaia di affezionati, come la Palma d'Oro cannense 4 mesi, 3 settimane e 2 giorni [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Cristian Mungiu
intervista: Oleg Mutu
scheda film
]
di Cristian Mungiu, che registra 26 000 ingressi.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.