email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

USCITE Francia

Le nouveau protocole: inchiesta sull'industria farmaceutica

di 

E' il momento del thriller nelle sale francesi, dove sbarca oggi Le nouveau protocole [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Thomas Vincent, distribuito da StudioCanal in 233 copie. Interpretato da Clovis Cornillac e Marie-Josée Croze, il film, sceneggiato dal regista insieme a Eric Besnard (Babylone A.D. [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), racconta di un uomo rimasto solo dopo la morte del figlio diciottenne e l'irruzione nella sua vita di una militante altermondialista convinta che questa morte sia dovuta a un nuovo farmaco contro il mal di testa. Un'ipotesi che metterà i due in situazioni sempre più pericolose, paragonate da alcuni critici a The Constant Gardener di Fernando Meirelles, e Perché un assassinio di Alan J. Pakula. Prodotto da Mandarin Cinéma per 8,4 M€ di budget, tra cui 1,2 M€ di M6 Films e una coproduzione di StudioCanal, Le nouveau protocole è il terzo lungometraggio del regista di Karnaval (in concorso a Berlino nel 1999) e di Je suis un assassin (Quinzaine des Réalisateurs 2004).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Questo mercoledì vede anche il debutto da regista dello scrittore Philippe Claudel con Il y a longtemps que je t'aime [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
. Visto in concorso all'ultima Berlinale (articolo), il film interpretato da Kristin Scott Thomas ed Elsa Zylberstein beneficia di 238 copie distribuite da UGC Distribution, che ne ha assicurato la produzione attraverso UGC YM per 6,7 M€ di budget, tra cui una coproduzione dei tedeschi di Integral Film, 850 000 euro d'investimento di France 2 Cinéma e 200 000 euro del fondo Eurimages. Shellac distribuisce dal canto suo in 21 copie L'été indien di Alain Raoust con i belgi Johan Leysen e Déborah François, l'olandese Johanna Ter Steege e il francese Guillaume Verdier. Sceneggiato dal regista (rivelatosi con La Cage - premio Fipresci a Locarno nel 2002) e il romanziere Olivier Adam, questo dramma sul passato doloroso di un fiammingo che cresce sua figlia sulle Alpi è stato prodotto da Sunday Morning Productions per 1,5 M€ di budget, tra cui una coproduzione di Rhône-Alpes Cinéma e un anticipo sugli incassi del Centre National de la Cinématographie (CNC).

Mentre il cinema europeo si distingue con l'atipico Ben X [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Nic Balthazar
intervista: Peter Bouckaert
scheda film
]
del belga Nic Balthazar (leggi il Focus), lanciato da Océan Films in 60 copie, la produzione francese esce con L'Occitanienne (Le dernier amour de Chateaubriand) di Jean Perissé (Artédis - 6 copie), il documentario Couleurs d'orchestre di Marie-Claude Treilhou (Les Films d’Ici) e Les toilettes du Pape del duo César Charlone-Enrique Fernandez, una coproduzione di Chaya Films con l’Uruguay e il Brasile (Pierre Grise Distribution - 50 copie).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy