email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

PREMI Germania

Magnus, gran vincitore di goEast

di 

Magnus, gran vincitore di goEast

L'ottava edizione del Festival goEast del cinema dell'Europa Centrale e dell'Europa dell'Est (9-15 aprile) (leggi la news), che si è chiuso la settimana scorsa a Wiesbaden, ha assegnato il Giglio d'oro per il miglior film (del valore di 10 000 euro) alla coproduzione anglo-estone Magnus di Kadri Kõusaar. La giuria, presieduta dal produttore tedesco Eberhard Junkersdorf, ha apprezzato questa straordinaria rappresentazione esistenzialista di un giovane in cerca di stabilità in una società in movimento. Il film ha ricevuto anche il Premio FIPRESCI.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Il Premio per il miglior regista della Città di Wiesbaden è andato al sottile Love and Other Crimes [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del serbo Stefan Arsenijević, presentato a febbraio a Berlino nella sezione Panorama (leggi l'articolo), mentre The Flower Bridge del romeno Thomas Ciulei è stato eletto miglior documentario dalla Fondazione "Memoria, responsabilità e futuro".

Il Premio del ministero degli Esteri è stato assegnato al titolo ucraino At the River di Eva Nejman, mentre il film russo The Simple Things di Aleksej Popogrebskij e la coproduzione tedesco-bulgara The Mosquito Problem and Other Stories di And rej Paunov hanno ricevuto una menzione speciale. Nella categoria documentario, si è distinto il titolo tedesco-polacco Nowhere in Europe di Kerstin Nickig.

Gli organizzatori del festival si sono detti soddisfatti della fedele presenza delle istituzioni, della partecipazione di pubblico e professionisti ai tanti eventi organizzati, e del numero record di spettatori (più di 9500): diverse proiezioni hanno registrato il tutto esaurito (come le prime nazionali di12 di Nikita Michalkov e Katyn [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Andrzej Wajda
intervista: Michal Kwiecinski
scheda film
]
di Andrzej Wajda). Christine Kopf, direttrice del festival, si è detta contenta che goEast sia divenuta una "piattaforma viva". Questo festival, finanziato dalle autorità locali, beneficia anche del sostegno del Programma MEDIA.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy