email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

EVENTI Francia

Parigi nel cuore di "Cinéma, Europe, monde"

di 

Duecento professionisti, esperti e rappresentanti delle istituzioni europee si incontrano oggi alla Cinémathèque française, su invito del ministero della Cultura e della Comunicazione e il Centre National de la Cinématographie (CNC), per la conferenza "Cinéma, Europe, monde", organizzata in occasione della presidenza francese dell'Unione europea.

Accolti da Costa Gavras, i partecipanti esploreranno il tema della cooperazione cinematografica tra l'Unione europea e gli altri paesi. L’obiettivo di questa giornata è tracciare un quadro delle possibili azioni future in materia di creazione cinematografica, dalla formazione alla produzione, passando per la distribuzione e l'esercizio.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

In programma, quattro sessioni di lavoro: "Accompagnare lo sviluppo delle cinematografie nella loro diversità" (identificare le misure più efficaci e i paesi da aiutare prioritariamente in Africa, Asia e America Latina), "Aiutare la produzione di altre cinematografie e le coproduzioni tra continenti", "Favorire la diversità culturale: una politica di cooperazione su scala europea?" ed "Esporre le cinematografie: i meccanismi della distribuzione e dell'esercizio".

Tra i partecipanti si distinguono Christine Albanel, ministro francese della Cultura che chiuderà l'evento, Véronique Cayla (direttrice generale del CNC) e diversi rappresentanti dell'EFAD (Direttori delle Agenzie europee di cinema): Simon Perry (Irlanda), Henrik Bo Nielsen (Danimarca), Gerlinde Seitner (Austria), Maciej Karpinski (Polonia), Guy Daleiden (Lussemburgo), Laufey Gujonsdottir (Islanda), Marge Liiske (Estonia), Nils Klevjer Aas (Norvegia), Urlika Nisell (Svezia), Veronique Pacco (Belgio), Rosario Albuquerque (Spagna) e Zsolt Kezdi-Kovacs (Ungheria). Da notare anche la presenza di rappresentanti dello Swedish Film Institute e di UK Film Council, ma anche dei ministeri della Cultura romeno, cipriota, lituano, ceco e finlandese.

Parteciperanno anche Bianca Taal (Hubert Bals Fund), Amra Baksic (Cine Link Sarajevo), Fernando Lara (direttore dell'ICAA, presente per il programma Ibermédia), Jacques Toubon (Eurimages), Aviva Silver (Programme Media), Michel Reilhac (Arte France Cinéma), Vicenzo Bugno (World Film Fund), Claude-Eric Poiroux (Europa Cinemas) e i direttori di Europa Distribution, EAVE, ACE, il Club dei produttori europei, la SACD, la FERA e Cine-Regio.

Quanto ai produttori, ci saranno i francesi Emilie George, Jacques Bidou e Philippe Avril, lo spagnolo Anton Reixa (Filmax), il croato Cedomir Kolar, il britannico Mark Cosgrove e il tedesco Roman Paul, mentre i distributori possono contare su Le Pacte, CTV International e Pierre Grise. Non mancano, infine, registi come Nadine Labaki, Rity Pahn, Abderrahmane Sissako e Mahamat Saleh Haroun (anche presidente del Fondo Sud). E come padrino dell'evento, l'attore americano Danny Glover.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy