email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FESTIVAL Svizzera

Locarno all'insegna dell'Europa

di 

Locarno all'insegna dell'Europa

La selezione ufficiale del 61mo Festival internazionale del cinema di Locarno (6-16 agosto), terza edizione del suo direttore artistico Frédéric Maire, è stata svelata questa mattina. I giovani autori europei sono ben rappresentati nella competizione internazionale, che riunisce 17 lungometraggi provenienti da 16 paesi. Tra questi, un'opera prima turca, Autumn [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Özcan Alper, e un film irlandese, Kisses [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Lance Daly. Tra i pretendenti al Pardo d'oro, da citare Un autre homme di Lionel Baier (Svizzera), 33 Scenes from Life [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Malgorzata Szumowska (Germania, Polonia), Katia’s Sister [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Mijke de Jong (Paesi Bassi), Mar nero [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Federico Bondi (Italia, Romania, Francia), März di Klaus Händl (Austria), Nulle part terre promise [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Emmanuel Finkiel (Francia) e Sleep Furiously [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Gideon Koppel.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Sotto il segno della diversità, l’open air della Piazza Grande celebrerà il cinema europeo con Brideshead Revisited [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dell'inglese Julian Jarrold in apertura, Marcello Marcello [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Denis Rabaglia per la Giornata del Cinema Svizzero, Nordwand [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dell'austriaco Philipp Stölzl (Austria, Germania, Svizzera), Berlin Calling [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del tedesco Hannes Stöhr, Lezione 21 [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dello scrittore italiano Alessandro Baricco, Son of Rambow [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del britannico Garth Jennings, El brau blau dello spagnolo Daniel Villamediana, I Know dello sloveno Jan Cvitkovic e tre lungometraggi francesi: La fille de Monaco [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Anne Fontaine, Khamsa [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Karim Dridi e Back Soon [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Solveig Anspach. Questi film sono in lizza per un nuovo premio, il Variety Piazza Grande Award, assegnato dai critici della nota rivista americana.

Tra finzione e documentario, la competizione dei Registi del presente propone quest'anno un programma molto latino: due lungometraggi italiani – Napoli piazza municipio di Bruno Oliviero e Beket di Davide Manuli – e tre film francesi: Je ne suis pas morte di Jean-Charles Fitoussi, Kinogamma Part 1: East / Part 2: Far East di Siegfried e La vie ailleurs di David Teboul. Senza dimenticare La Forteresse [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Fernand Melgar (Svizzera) e A Zona [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
di Sandro Aguilar (Portogallo).

Oltre alla retrospettiva dedicata al regista e attore italiano Nanni Moretti, il festival rende omaggio al regista israeliano Amos Gitai (Pardo d'onore), che presenterà Plus tard tu comprendras [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, alla produttrice americana Christine Vachon (Premio Raimondo Rezzonico) e alla connazionale Anjelica Huston (Excellence Award), nel cast di Choke di Clark Gregg.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.