email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

USCITE Francia

Le premier jour du reste de ta vie: cinque giorni-chiave in 12 anni

di 

Le premier jour du reste de ta vie: cinque giorni-chiave in 12 anni

Riflettori puntati oggi sull'audace opera seconda del giovane regista Rémi Bezançon, Le premier jour du reste de ta vie [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(distribuzione StudioCanal), dopo l'applaudito debutto nel 2005 con Ma vie en l'air (400 000 ingressi). Tra i protagonisti di questo film, che racconta i cinque giorni-chiave nella vita di una famiglia di cinque persone nell'arco di dodici anni, figurano Jacques Gamblin, Zabou Breitman, l’attrice belga Déborah François, il quebecchese Marc-André Grondin e l'esordiente Pio Marmai. Nel cast, anche Cécile Cassel, Gilles Lellouche e François-Xavier Demaison.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Robert (Jacques Gamblin) e Marie-Jeanne (Zabou Breitman) hanno tre figli: Fleur (Déborah François), Raphaël (Marc-André Grondin) e Albert (Pio Marmai). Un figlio se ne va di casa, la figlia adolescente è sul punto di perdere la verginità ed entra in conflitto con la madre in crisi di mezza età, il padre tassista non rivolge più la parola a uno dei suoi figli, il quale vive tra fantasmi d'amore e la sua chitarra: ciascuna delle cinque giornate del film corrisponde a un membro della famiglia seguito dalla mattina alla sera. "La sfida era, nel cambiare il punto di vista, non perdere mai gli altri personaggi", sottolinea il regista. "Questo mi ha permesso di giocare con lunghe ellissi temporali. E ogni giornata ha la sua logica cinematografica".

Rémi Bezançon ha anche spiegato perché ha scelto la vita familiare come tema: "E' al contempo ciò che ci modella e ciò da cui ci si affranca, il luogo di ogni trasmissione e di ogni impasse. Ma possiamo scegliere i nostri legami? Che ruolo ha la famiglia nel nostro percorso personale? E qual è la nostra parte di libertà? Ciascuno dei miei personaggi dà la sua risposta". Un soggetto che ha sedotto la società Mandarin Cinéma, che aveva già prodotto il primo film di Bezançon e che gli ha assicurato questa volta un budget di 5,82 M€, che include 1,25 milioni in coproduzione e pre-acquisto di France 2 Cinéma, e i pre-acquisti di Canal + e TPS. Da notare anche che Le premier jour du reste de ta vie non ha altri concorrenti europei tra le dodici novità in arrivo nelle sale questo mercoledì, ad eccezione del documentario Ballerina di Bertrand Dormy (distribuzione Floris Films).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy